Search HP

La vestizione della salma, come la tanatoprassi e la tanatoestetica, nasce proprio dall'esigenza di preparare le spoglie del defunto in vista dell'ultimo incontro con amici e parenti, conservando un buon ricordo dello stesso. La vestizione del corpo del defunto, deve essere effettuata da personale specializzato, qualificato ed esperto, in grado di aiutare la famiglia a preparare nel modo giusto la salma, rendendola presentabile per le ultime visite di cordoglio.

La vestizione prevede infatti una scelta accurata del vestito migliore da far indossare al defunto, assieme agli eventuali accessori da inserire all'interno della bara e nella camera ardente, tenendo in considerazione anche i desideri dei cari rimasti in vita. La vestizione a opera dell'agenzia di pompe funebri si può effettuare sia nell'abitazione, sia all'obitorio o in qualunque altro luogo si ritenga necessario e più consono alla preparazione della salma. 

Il processo di vestizione richiede sicuramente una buona prestanza fisica, che possa consentire manovre agevoli nel rispetto di un corpo immobile. Molti pensano che questa operazione preveda dei movimenti bruschi per la rigidità della salma, in realtà la vestizione non è difficile e basta soltanto distendere i muscoli per far entrare i vestiti. 

Prima ancora della vestizione vera e propria, il personale specializzato si occupa della pratica di tanatoprassi e, in alcuni casi se richiesto dalla famiglia, anche della tanatoestetica. Sono entrambe pratiche specifiche volte a mantenere al meglio la salma per la presepoltura. 

Vestizione, tanatoprassi e tanatoestetica per rendere presentabile la salma

 

Cos'è la tanatoprassi 

Con questo termine si indica un processo che ha lo scopo di conservare una salma. Nelle ore successive alla morte un corpo è soggetto a molteplici trasformazioni, che comprendono anche la fuoriuscita di liquidi di natura organica e di vapori maleodoranti. Per evitare questo il tanatoprattore inserisce un liquido "conservatore" nel corpo, che blocca il processo di decomposizione e mantiene integra la salma. Questa pratica è di aiuto anche in medicina legale, perchè facilita il lavoro dei medici che devono effettuare delle indagini su un corpo che, in questo modo, risulta come congelato. Non è da confondersi con la tecnica di imbalsamazione di una salma, la tanatoprassi ha lo scopo di preservare al meglio un corpo per un tempo limitato (circa 10 giorni), così da permettere ad amici e familiari di vedere il defunto in buone condizioni e conservare un buon ricordo anche del momento dell'ultimo saluto. 

Le differenze con la tanatoestetica 

Se la pratica di tanatoprassi è basata sulla conservazione della salma, la tanatoestica è incentrata sul rendere il più presentabile possibile il defunto agli occhi dei parenti, cercando soprattutto di coprire al meglio eventuali segni lasciati dalla malattia o da traumi. Come prima cosa si effettua un'accurata pulizia del corpo e dei capelli, in caso si procede con la rasatura della barba, e poi si passa al cosìddetto camouflage. L'operatore in questo caso ha il compito di abbellire il viso e le mani del defunto, utilizzando prodotti specifici. 

Queste due figure professionali sono sempre più richieste, tanto che sono moltissime le agenzie che le richiedono per poter offrire tra i vari servizi funebri anche queste due procedure. 

Altri Articoli

Procedura tumulazione

Fra le pratiche funerarie, la più conosciuta e diffusa nel nostro paese è la cosiddetta tumulazione. In pratica, la tumulazione è l'operazione per cui si va a mettere il feretro in un loculo, per poi chiuderlo attraverso l'utilizzo di mattoni. I loculi sono o messi a disposizione dal Comune in cui si andrà a seppellire il defunto, oppure possono essere privati: la loro costruzione ed il loro utilizzo sono regolati da leggi particolari.

Funerale a rate a Roma: quali sono i vantaggi?

La crisi economica di questi ultimi anni ha creato numerose difficoltà e i risparmi a lungo termine che le famiglie avevano messo da parte sono stati intaccati per riuscire ad arrivare almeno a fine mese. Ancora più grave è la situazione di chi all’improvviso si è trovato ad affrontare la scomparsa di un familiare, dove al dolore per l’accaduto si aggiunge spesso la preoccupazione di non riuscire a sostenere le spese necessarie per l’organizzazione anche di un funerale semplice e senza pretese.

Funerale: scoprite le varie tipologie

Il funerale è un rito, che può avvenire in forma civile o religiosa, che accompagna e celebra la dipartita di una persona.

Requiem: scoprite che cosa è

La perdita di una persona cara è sempre un momento molto doloroso e provoca tanto dispiacere tra coloro che rimangono in vita, e che si devono occupare del triste compito di organizzare il funerale. La maggior parte delle persone si rivolge a un’agenzia di pompe funebri che grazie alla collaborazione di personale discreto ed esperto, è in grado di assistere e aiutare i familiari nell’organizzazione del rito funebre.

Fare testamento: scoprite come farlo

Fare testamento prima della propria morte è un'operazione che può risultare necessaria per stabilire la destinazione del patrimonio posseduto ai vari eredi. Indipendentemente se si scelga la dispersione delle ceneri o la tumulazione la pratica del testamento prevede una dichiarazione scritta da fare prima di rivolgersi alle Pompe Funebri, fondamentale soprattutto nei casi in cui il defunto non abbia figli. Fare testamento prevede dunque la suddivisione dell'eredità tra eventuali figli, coniugi, parenti o amici di colui che redige il testamento stesso.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group