Search HP

La camera ardente viene solitamente allestita dopo la cerimonia funebre, prima della sepoltura, a casa del defunto o del parente più stretto rimasto in vita. La camera ardente è infatti il luogo, creato appositamente per tale e triste occasione, nel quale si espone la salma del defunto, prima di procedere alla definitiva sepoltura. La camera ardente si prepara dunque all'interno di una casa privata, per dare un ultimo saluto al corpo del defunto, che poi verrà seppellito.

Il nome “camera ardente” è legato alla consuetudine di posizionare all'interno del luogo dove viene esposta la salma anche lumi accesi; grazie alle nuove leggi, è oggi possibile il trasporto in cassa aperta di persone morte non nel luogo di residenza, purché ci si trovi all'interno della regione di appartenenza. Venne dato il medesimo nome anche a un tribunale francese speciale, anch'esso illuminato giorno e notte da torce.

L'allestimento della camera ardente potrebbe rivelarsi come una delle fasi della preparazione funeraria più tristi da affrontare, quando si verifica la perdita di una persona cara; sono infatti molti coloro che, per esporre la salma e allestire la camera ardente, si affidano alle agenzie di onoranze funebri. Le imprese di pompe funebri sono infatti preparate ad allestire una camera ardente, occupandosi di tutto: dal trattamento, al trasporto e alla sistemazione della salma.

Altri Articoli

Imbalsamazione: in cosa consiste questa tecnica?

La tecnica che consente di preservare il corpo del defunto integro per molto tempo è detta imbalsamazione; nello specifico l'imbalsamazione è una pratica volta a conservare dopo la morte l'intera struttura del corpo umano, completa di tutte le sue aree anatomiche.

Autorizzazione cremazione: come si ottiene?

La cremazione è una pratica funeraria mediante la quale il corpo del defunto è ridotto in gas e piccoli resti di ossa che in seguito sono trasformati in cenere. La polvere derivante da questa operazione generalmente è consegnata ai familiari del defunto all’interno di un’urna, che può essere conservata in casa oppure deposta in un cimitero.

Il decesso di un pensionato INPS: ecco cosa fare

procedura e documenti da presentare dopo il decesso di un pensionato inps

La morte di un proprio caro è sempre un evento molto doloroso da affrontare. La denuncia del decesso va consegnata presso l’ufficio di Stato Civile del Comune di appartenenza, deve essere presentata entro 24 ore dalla morte. Generalmente le agenzie di pompe funebri si occupano degli amdempimenti di tutte le pratiche burocratiche.

Carro funebre: caratteristiche e requisiti

Il servizio di trasporto funebre è sempre delegato ed esercitato da imprese funebri che abbiano le autorizzazioni del caso. Le imprese funebri devono infatti possedere la licenza per esercitare tale attività commerciale, oltre alla licenza per l'attività di Agenzia di affari, così come previsto dall'art.115 del T.U. delle leggi di Pubblica Sicurezza approvato con R.D. 18 giugno 1931 n.773.

Sepoltura: inumazione

L'inumazione è la pratica funeraria più diffusa nel nostro paese. Si tratta semplicemente della sepoltura del defunto in una bara di legno, che viene collocata nella terra alla profondità di circa 2 metri. L'inumazione si effettua in aree predisposte, e non può essere, a norma di legge, effettuata in aree non consentite.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group