Search HP

In occasione di un lutto è però necessario, soprattutto se non si potrà assistere al funerale, scrivere su un bigliettino o attraverso un telegramma di condoglianze, delle frasi di condoglianze rivolte ai familiari del defunto. Grazie alle frasi di condoglianze si potrà così esprimere la propria tristezza provocata dalla morte ed essere vicini, anche solo col pensiero, ai parenti della persona che è venuta a mancare.

Il termine condoglianze ha origine dalla lingua latina e più precisamente dal verbo condolore (soffrire insieme), che sta proprio a descrivere il senso di vicinanza che si prova verso qualcuno che è stato colpito da un lutto.

Ecco una raccolta di frasi per condoglianze, che potrà aiutarvi in questi momenti difficili, a trovare le parole giuste e più adatte ad ogni singola esigenza:

- Le persone come Lui/Lei non muoiono per sempre, solo si allontanano. Lo/La sentiremo sempre nel nostro cuore.

- Condoglianze

- Ricordiamo con affetto il caro........ e Vi siamo vicini nel Vostro dolore.

- Vi siamo vicini con tutto il nostro affetto.

- Il caro.............. vivrà sempre nelle nostre preghiere.

- Vi siamo sinceramente vicini in questa dolorosa circostanza.

- Il grave lutto ci trova sensibilmente vicini alla Vostra famiglia.

- La perdita subita è per noi motivo di dolore e di sincera commozione.

- Vi siamo vicini nel dolore.

- Questi fiori siano l'espressione più sentita del nostro sincero cordoglio.

- Vi giungano le nostre più sentite condoglianze.

- Sentite e sincere condoglianze.

- Le siamo vicini in questo triste momento.

- Partecipiamo al suo dolore.

- Sinceramente addolorati per la triste circostanza porgiamo le nostre condoglianze.

- La nostra famiglia, colpita, Vi è vicina in questa grave circostanza.

Questi sono solo alcuni esempi di frasi di cordoglio, ovviamente ci si può sentire liberi di utilizzare altre parole anche in relazione al grado di amicizia o parentela che ci lega alla famiglia del defunto.

Come fare le condoglianze a qualcuno

Cosa scrivere su un biglietto di condoglianze

Riuscire ad essere vicini a qualcuno che ha appena perso un caro, in modo discreto e comunicando al contempo il proprio dolore, è sicuramente la scelta migliore. Un sentito e caloroso abbraccio sostituisce qualsiasi frase di condoglianze. Alla notizia di una morte, se si è abbastanza in confidenza con la famiglia colpita dal lutto, si può andare direttamente a fare una breve visita a casa, tranne nel caso in cui la stessa non abbia espresso il desiderio di non riceverne. Il classico telegramma è sempre una scelta perfetta in questi momenti, dà la possibilità di esprimere il cordoglio con poche e sincere parole anche a nome di più persone (un gruppo di amici o i colleghi di lavoro per esempio) e può essere inviato prima di partecipare al funerale, ma anche nel caso in cui si fosse impossibilitati dal parteciparvi. Per inviarne uno è sufficiente chiamare il numero 186 di Poste Italiane e dettare il testo all'operatore, fornendo unitamente i propri dati. Il costo del telegramma verrà addebbitato direttamente nella successiva bolletta telefonica. In alternativa ci si può recare di persona al più vicino ufficio postale o inviarlo online dal sito di poste italiane, dalla sezione dedicata, collegandosi da pc o dal proprio smartphone. Ulteriore possibilità è quella di fare le condoglianze scrivendo una frase su un bigliettino bianco con busta, da spedire alla famiglia del defunto.

 

 

Altri Articoli

Costi cremazione dei resti dopo l'estumulazione

pratiche di estumulazione e successiva cremazione allo scadere della concessione del loculo cimiteriale

Allo scadere del periodo della concessione del loculo, è necessario provvedere all'estumulazione della salma. L'estumulazione consiste nell'apertura di cripte, loculi, cappelle ecc che contengono i feretri dei defunti. I resti ossei del defunto possono essere  raccolti all'interno di apposite cassette, che sono a loro volta messe all'interno dell'ossario del cimitero, oppure possono essere cremati e tumulati di nuovo all'interno di un loculo.

Constatare il decesso: scoprite a chi spetta

La morte di un corpo ha inizio quando le funzioni cardiocircolatorie, respiratorie e nervose cessano la loro attività. Seconda la legge 578/93 del 29 dicembre 1993 è considerato privo di vita un corpo nel quale le funzioni dell’encefalo sono cessate.

Cimitero monumentale Verano: storia e curiosità

monumento funebre all'interno del Cimitero Verano

Tutta l’area che si trova intorno al Verano è stata da circa venti secoli utilizzata come luogo di sepoltura dei defunti. Conosciuto anche con il nome di Cimitero Monumentale, rappresenta anche un enorme patrimonio artistico-culturale molto caro ai romani e ai numerosi turisti che ogni anno dedicano una visita a questo luogo fatto di ricordi, arte e testimonianze storiche.

La cremazione secondo la Chiesa Cattolica: approfondimento

immagine di un'urna cineraria utilizzata per la cremazione

La Chiesa Cattolica non proibisce il rito della cremazione come destinazione della salma del defunto, a patto che tale scelta non derivi da motivazioni contrarie alla dottrina cristiana.

Dispersione ceneri: 130/2001 art. 4-8

Dispersione di ceneri a cielo aperto

Riguardo alla dispersione delle ceneri, nei casi di cremazione del defunto, esiste la legge n. 130 del 30 marzo 2001, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2001. Tale legge erogata dalla Parlamento Italiano, disciplina le modalità di cremazione e di dispersione delle ceneri stesse.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group