Il trasferimento della salma può verificarsi in obitorio, in sale anatomiche o depositi di osservazione, per controllare il corpo del defunto e constatare le cause del decesso. Il trasferimento della salma poi sarà indirizzato al cimitero per la sepoltura e in luoghi appositi per una eventuale cremazione. Il trasferimento della salma è inoltre regolato, a livello comunale, da alcune norme legislative; tutte si rifanno comunque al Capo IV del regolamento di polizia mortuaria deliberato dal DPR n. 285 del 10 settembre 1990.

Il linea generale è possibile il trasferimento della salma in un altro comune della stessa regione di residenza del defunto, anche subito dopo il decesso e senza il rilascio dell'accertamento di morte; in tali casi è necessario comunque compilare un modulo regionale sottoscritto dal medico della struttura sanitaria nel quale è avvenuto il decesso; dall'impresa che si occuperà del funerale; dal responsabile della struttura dove avrà luogo il periodo di osservazione.

Se la persona è deceduta in un altro comune

Trasferimento salma

Il trasferimento della salma dopo il rilascio dell'accertamento di morte in un altro comune di regione diversa da quella di residenza del defunto, richiede invece la presentazione di una domanda e il rilascio di un'autorizzazione da parte del comune di residenza stesso. Il trasferimento della salma del defunto all'estero è infine possibile solo ed esclusivamente dopo aver ottenuto il rilascio dell'accertamento di morte; serve inoltre la presentazione di una domanda e il rilascio di un passaporto mortuario o di un'autorizzazione al trasporto del defunto.

Trasferimento obbligatorio della salma

Alcune volte possono verificarsi delle esigenze di servizio piuttosto urgenti come, ad esempio, degli interventi di manutenzione straordinaria che devono essere effettuati su edifici cimiteriali. per questo motivo possono avvenire delle operazioni di trasferimento d'ufficio e in questo caso la famiglia del defunto viene informata con un importante anticipo di questa nuova, seppur temporanea sistemazione del proprio caro. In questo caso, tutte le operazioni saranno a carico dell’amministrazione cimiteriale.

 

 

L’interessato autorizza al trattamento dei propri dati personali (Informativa Privacy ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679; clicca qui per sapere come gestiamo Privacy e Cookie) per le seguenti finalità: