La Tanatoprassi (dal greco tanatos - "morte" e prassi - "pratica") comprende il complesso di trattamenti estetici sulle salme; è molto adoperata negli Stati Uniti, molto meno invece nel nostro Paese.

A differenza dell'America, in Italia non c'è una legislatura in merito alla tanatoprassi; esistono comunque anche nel nostro Paese associazioni che rappresentano e diffondono questa pratica come l'I.N.I.T. (Istituto Nazionale Italiano di Tanatoprassi) e l'A.I.T. (Associazione Italiana di Tanatoprassi).

tanatoprassi

La tanatoprassi, molto usata soprattutto in medicina legale, è praticata mediante un'iniezione di liquidi, in grado di conservare il corpo, all'interno delle pareti arteriose della salma; all'iniezione si aggiungono poi tutte le cure estetiche legate a dare un'immagine, in un certo senso più “viva”, del defunto e a conservare la salma più a lungo.

In America è prevista anche la cucitura delle labbra, mediante filo trasparente, e l'applicazione di cera ed eventualmente di un lucido sulle labbra del defunto, nonché l'uso di trucco e creme idratanti varie. La tanatoprassi, oltre ad avere uno scopo prettamente estetico, è anche volta a un trattamento di natura igienica della salma, evitando così ulteriori fuoriuscite di liquidi organici e odori poco gradevoli.

La tanatoprassi favorisce inoltre il ritardo degli ultimi processi di deterioramento del corpo e di quelli legati alla sua riduzione in polvere, che si allungano da dieci a quaranta e persino a ottanta anni. Questa pratica consente in modo temporaneo la conservazione della salma per dieci/quindici giorni prima della sua sepoltura; va infatti distinta dall'imbalsamazione.

L'importanza della tanatoprassi e dell'estetica

L'estetica, sebbene possa sembrare futile in un momento delicato come il funerale, in realtà ricopre un ruolo davvero importante. Basti pensare che il defunto abbia la possibilità di essere celebrato per un'ultima volta, quindi renderlo di buona presenza è un fattore di rispetto e dignità nei suoi confronti. Il compito della tanatoprassi è proprio questo, cercare di rendere l'aspetto del defunto dignitoso e autorevole agli occhi dei suoi familiari e di chi si presenta al funerale per celebrarlo.

 

L’interessato autorizza al trattamento dei propri dati personali (Informativa Privacy ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679; clicca qui per sapere come gestiamo Privacy e Cookie) per le seguenti finalità: