Search HP

La musica durante il funerale ha lo scopo di accompagnare con il gusto dell'arte il difficile momento della dipartita. Le possibilità sono molte: dai classici cori religiosi a qualcosa di più moderno ma sempre adatto.

Valutare il contesto

Prima di scegliere la musica per il funerale occorre capire a che tipo di cerimonia si sta per assistere: è religiosa? Laica? Saranno presenti molte persone? Il defunto aveva gusti particolari? La risposta a tutte queste domande deve delineare situazioni molto diverse.

Rito religioso

In occasione di una cerimonia religiosa, solitamente è la chiesa stessa che si preoccupa della scelta della musica per il funerale. Ognuna di esse ha infatti il suo repertorio che viene utilizzato, in maniera spesso identica, in tutti i funerali.

Il repertorio comprende, solitamente:

• Canti gregoriani

• Musica classica (come l'“Ave Maria” di Schubert)

• Canzoni religiose (come l'“Io credo: Risorgerò”)

Gli strumenti utilizzati sono l'organo e il coro, nelle chiese dov'è disponibile. Si tratta di una scelta classica che si adatta molto bene al tipo di rito che è il funerale cattolico: ovvero una marcia molto carica di escatologica emotività verso Dio.

Rito laico

In questo caso la libertà è maggiore. È possibile decidere prendendo spunto dai gusti musicali del defunto e dalla sua personalità.È possibile chiamare musicisti esterni che performino qualsiasi musica. È comunque corretto optare per musiche che si adattino alla situazione, come ad esempio:
• Amazing grace di Newton, spesso utilizzata nei funerali americani

• Brani tratti dal Requiem di Mozart

• Preludio 20 oppure 22 di Chopin

Ma la lista è virtualmente infinita.

I tempi

Fondamentale è la scelta dei tempi e l'adattamento alla durata dei vari momenti della cerimonia. Sia che si tratti di rito religioso che laico, è opportuno rispettare il susseguirsi della ritualità.All'inizio, quindi, va bene scegliere brani più lunghi: questi accompagneranno i primi momenti di raccolta dei fedeli e dei parenti che si avvicinano al luogo di celebrazione del rito. All'interno della cerimonia, invece, è bene scegliere brani più corti che fungano da collante fra le varie parti (soprattutto nel caso religioso).Alla fine, è possibile prendere più tempo in modo tale da seguire il commiato con la famiglia del defunto.

Altri Articoli

Dispersione ceneri: 130/2001 art. 1 - 3

La legge n. 130 del 2001

Vestizione salma

Vestizione, tanatoprassi e tanatoestetica per rendere presentabile la salma

Quando si verifica un evento triste come quello della morte di una persona cara, amici e parenti sentono la forte urgenza emotiva di poter guardare per l'ultima volta il defunto e salutarlo degnamente. Per renderne più gradevole l'immagine, la maggior parte delle agenzie funebri si occupa, per conto dei parenti, della sua vestizione della salma e delle pratiche di tanatoprassi e tanatoestetica.

Tasse estumulazione salma: fuori comune

L'estumulazione è l'estrazione del feretro dalla nicchia dove lo stesso era stato in precedenza tumulato; è insomma l'opposto della tumulazione. Con l'estumulazione vengono dunque dunque riaperti i loculi e le cappelle contenenti le ossa del defunto, per posizionarle in apposite cassette ossarie.

Cassa da morto: scoprtie le forme e la qualità

La cassa da morto è il simbolo per eccellenza del funerale. Ne esistono di numerose tipologie e prezzi: l'impresario funebre di fiducia sarà in grado di consigliare la famiglia sull'opzione migliore.

La bara in legno: il simbolo del funerale

Da sempre la bara in legno costituisce il vero e unico simbolo del funerale. Gli anni hanno visto un'evoluzione qualitativa del sarcofago notevole ed oggi le casse sono oggetti che dimostrano la maestria degli artigiani.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group