Search HP

Funerale e sepoltura dopo la stipula del certificato di morte

Anche se in un momento di tale sconforto la burocrazia diventa ancora più noiosa e antipatica del solito, il certificato di morte rappresenta un documento di rilevante importanza. Viene stipulato dopo la morte, accertata di un individuo. Ci sono diversi casi, per quanto riguarda l’accertamento di morte, da prendere in considerazione, i quali richiedono due procedure leggermente differenti:

  • In casa: Se la morte del defunto si verifica incasa, gli accertamenti andranno in primis effettuati dal medico curante, che successivamente comunicherà le cause del decesso accertate al Sindaco del Comune di residenza dello scomparso.
  • In ospedale o casa di cura: Nei casi di decesso in Ospedali, Case di Cura, Case di Riposo o istituti affini, sarà invece il direttore del luogo o un delegato dell'amministrazionea effettuare gli accertamenti del caso.

In entrambe le circostanze, però è necessaria una ulteriore conferma ufficiale riguardo alle origini e ai motivi del decesso che sarà effettuata dal medico necroscopo, entro 36 ore dalla morte e dopo 8 ore dalla stessa. L’attività del necroscopo serve a giudicare anche il tipo di morte: si parla spesso infatti di morte sospetta o improvvisa. Spetta proprio a questa figura stabilire l’entità del decesso e chiarire con medici e famiglia le diverse azioni burocratiche da svolgere.

A chi va consegnato il certificato di morte?

Il certificato di morte andrà invece consegnato, entro 24 ore dall'avvenuta morte, all'Ufficiale di Stato Civile del territorio nel quale si è verificato il decesso. Senza tale documento non potrà essere rilasciata l'autorizzazione al seppellimento, stipulata dallo stesso Ufficiale di Stato Civile, mediante la compilazione, di un altro foglio molto importante, ovvero l'atto di morte.

Una procedura diversa, invece, la richiede la cremazione, infatti per procedere all’utilizzo dell’inceneritore, servono anche altri documenti, come ad esempio: il certificato in carta libera del medico necroscopo, che conferma un decesso non dovuto a reati; il nulla osta dell'Autorità Giudiziaria, per i casi di morti sospette o improvvise.

Cosa dice la normativa?

La normativa che regola la presentazione e compilazione del certificato di morte è legata ai seguenti decreti:

- Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445: Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa;

- Decreto del Presidente della Repubblica 3 novembre 2000 n. 396: Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello Stato Civile, a norma dell'art. 2 comma 12, della legge 127/1997

- Decreto del Presidente della Repubblica 3 novembre 2000 n. 396: Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello Stato Civile, a norma dell'art. 2 comma 12, della legge 127/1997

Altri Articoli

Tanatoprassi: che cosa è

La Tanatoprassi (dal greco tanatos - "morte" e prassi - "pratica") comprende il complesso di trattamenti estetici sulle salme; è molto adoperata negli Stati Uniti, molto meno invece nel nostro Paese.

Cimiteri animali: dove seppellire i nostri amici a quattro zampe

Il triste evento legato alla morte di un caro può essere legato non solo alla perdita di esseri umani, ma anche degli animali. Per coloro hanno condiviso tanti momenti felici assieme al proprio animale, dandogli da mangiare, giocando assieme a lui e portandolo a passeggio nel parco o in giro per la città, il loro decesso può risultare difficile tanto quanto quello di una persona.

Constatare il decesso: scoprite a chi spetta

La morte di un corpo ha inizio quando le funzioni cardiocircolatorie, respiratorie e nervose cessano la loro attività. Seconda la legge 578/93 del 29 dicembre 1993 è considerato privo di vita un corpo nel quale le funzioni dell’encefalo sono cessate.

Procedura tumulazione

Fra le pratiche funerarie, la più conosciuta e diffusa nel nostro paese è la cosiddetta tumulazione. In pratica, la tumulazione è l'operazione per cui si va a mettere il feretro in un loculo, per poi chiuderlo attraverso l'utilizzo di mattoni. I loculi sono o messi a disposizione dal Comune in cui si andrà a seppellire il defunto, oppure possono essere privati: la loro costruzione ed il loro utilizzo sono regolati da leggi particolari.

Frasi condoglianze: cosa scrivere?

Cosa scrivere su un biglietto di condoglianze

Quando si verifica un evento triste e difficile da accettare, come quello della morte di una persona cara, amica o parente, non sempre si riescono a trovare le parole giuste per esprimere il proprio cordoglio.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group