Search HP

La cremazione in Italia negli ultimi anni, oscilla intorno al 10% del totale di persone decedute. 
I motivi di tale percentuale, bassa, sono legati principalmente a:

  • assenza e carenza delle strutture crematorie. Queste ultime infatti non sono equamente distribuite nel Paese, ma si concentrano nel Centro-Nord. Le strutture per l'incenerimento sono pressocchè assenti in tutto il sud ed isole.
  • non informazioni circa le novità espresse con la Legge 130 del 2001. Con tale normativa infatti, è stato abrogato il divieto di affido e dispersione delle ceneri se non all'interno dei cimiteri.

La cremazione in Italia sembra essere la tipologia di destinazione della salma, di nicchia. Nonostante i costi della cremazione siano più bassi rispetto a quelli della tumulazione (se si considera anche l'acquisto del loculo o della tomba), una cattiva informazione e la carenza di impianti di cremazione in metà del Paese, rendono l'Italia al terz'ultimo posto in una lista di 21 Paesi europei, seguito solo da Irlanda (6,8%) e Bulgaria (4,9), nel 2007.

Per conoscere la procedura per ottenere la cremazione, vai alla pagina: Cremazione: come ottenerla

Altri Articoli

Autorizzazione dispersione ceneri: quando e come si ottiene

La cremazione è una pratica funeraria grazie alla quale il corpo del defunto è ridotto in frammenti ossei e gas, attraverso la combustione . I resti del corpo del defunto vengono poi polverizzati e inserito all'interno di un'urna funeraria.

La cremazione: scopri in cosa consiste

scegliere la cremazione come rituale funerario

Come è ben noto, la cremazione è una pratica per cui si riduce il corpo del defunto in gas e frammenti ossei, attraverso la sua combustione per mezzo del fuoco. Successivamente, questi resti vengono polverizzati in quanto estremamente friabili, per cui è erroneo credere che quello che otteniamo dalla combustione sia direttamente cenere vera e propria.

Finanziamenti funerali a Roma: perchè sceglierli?

La scomparsa di una persona cara è un momento doloroso da affrontare e ancora più doloroso è dover pensare a tutta una serie di questioni burocratiche, in primis l’organizzazione del funerale che, in un momento di crisi quale quello attuale, rappresenta per molte persone una spesa difficile da sostenere. E’ per questo che diverse agenzie di pompe funebri stanno proponendo ai propri clienti forme di finanziamenti per i funerali a Roma, soprattutto per coloro che non riescono ad affrontare tale spesa in un’unica soluzione di pagamento.

Cremazione a Roma: quali sono i costi?

Servizio funebre della cremazione

Nei casi di morte di una persona cara, una pratica oggigiorno molto usata e alternativa ai metodi canonici di tumulazione e inumazione, è quella della cremazione. Questa pratica funebre prevede la riduzione del corpo del defunto in gas e frammenti ossei, mediante combustione; le ceneri poi andranno custodite all'interno di un'urna cineraria apposita e successivamente sepolte o sparse da qualche parte secondo le scelte pregresse del defunto stesso o dei familiari rimasti in vita.

Manifesto funebre: in cosa consiste?

La morte di una persona cara è un evento molto triste e difficile da affrontare, soprattutto per la famiglia, il coniuge e gli amici più intimi del defunto.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group