Search HP

Se la tumulazione avviene all’interno di un loculo Comunale, è importante sapere che il loculo che comunque rimane di proprietà del Comune. La delibera del Consiglio Comunale 1032 del 2 marzo 1976 e dall'art. 37 del Regolamento comunale di Polizia Cimiteriale (delibera n. 3516 del 30 ottobre 1979), ha stabilito che il loculo viene dato in concessione per trent’anni.

La scadenza dei trenta anni è presente dal 15 aprile del 2006 e riguarda tutte le salme che sono state sepolte dal 16 aprile del 1976 in poi. Ai parenti del defunto è però permesso richiedere, entro sei mesi dalla data di scadenza, il rinnovo della concessione del loculo per un periodo di trenta anni.

Per rinnovare la concessione di un loculo ed estinguere la scadenza trentennale, bisogna recarsi nell’ufficio dei cimiteri capitolini preposto, per pagare la somma richiesta per questo genere di operazioni. E’ importante che colui che si occupa della richiesta di rinnovo concessione loculo, si presenti nell’ufficio preposto munito di un valido documento do riconoscimento e del tesserino del codice fiscale. Coloro che invece non vogliono richiedere il rinnovo della concessione del loculo possono scegliere di cremare i resti del corpo del defunto, oppure porre i resti all’interno dell’ossario presente nel cimitero.

È possibile richiedere ulteriori chiarimenti in merito alla scadenza trentennale dei loculi, chiamando il numero 0649236330/1/2/3 tutti i giorni feriali, sabato compreso, dalle 8:30 alle 14:00 o recandosi presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico di Ama-Cimiteri Capitolini in via del Verano 72/A, Roma, tutti i giorni feriali, sabato compreso, dalle 8:30 alle 12:30, martedì e giovedì anche dalle 15:00 alle 17:00.

Altri Articoli

Fare testamento: scoprite come farlo

Fare testamento prima della propria morte è un'operazione che può risultare necessaria per stabilire la destinazione del patrimonio posseduto ai vari eredi. Indipendentemente se si scelga la dispersione delle ceneri o la tumulazione la pratica del testamento prevede una dichiarazione scritta da fare prima di rivolgersi alle Pompe Funebri, fondamentale soprattutto nei casi in cui il defunto non abbia figli. Fare testamento prevede dunque la suddivisione dell'eredità tra eventuali figli, coniugi, parenti o amici di colui che redige il testamento stesso.

Omelie per funerali: vediamo come ricordare il defunto

omelia funebre

Tradizionalmente le omelie nei funerali costituiscono uno dei momenti più commoventi di tutta la cerimonia: tramite le parole del prete – oppure del fratello, della moglie o del genitore – vengono ricordate le qualità del defunto e si prega affinché la sua anima trovi, infine, le pace.

Frasi condoglianze: cosa scrivere?

Cosa scrivere su un biglietto di condoglianze

Quando si verifica un evento triste e difficile da accettare, come quello della morte di una persona cara, amica o parente, non sempre si riescono a trovare le parole giuste per esprimere il proprio cordoglio.

Necrologio: i consigli per scriverlo

Addobbi funerari in chiesa

Il Necrologio è un elogio funebre dedicato alla persona scomparsa. Essendo un tema molto delicato, è bene non lasciare al caso la composizione di un necrologio, quanto piuttosto dedicare molta attenzione nella sua redazione.

Cassa da morto: scoprtie le forme e la qualità

La cassa da morto è il simbolo per eccellenza del funerale. Ne esistono di numerose tipologie e prezzi: l'impresario funebre di fiducia sarà in grado di consigliare la famiglia sull'opzione migliore.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group