Search HP

immagine metaforica rappresentante la donazione di organi

La donazione di organi in Italia, non rappresenta né un dovere né un obbligo, bensì un’opportunità, indipendente dal pensiero della chiesa. Infatti non necessariamente al momento del decesso si è costretti a donare gli organi, il ministero della salute, mette a disposizione un modulo da compilare nel caso in cui si acconsenta alla donazione.

Tale dichiarazione va accompagnata alla registrazione presso la propria ASL o Comune e alla compilazione del Tesserino Blu del Ministero della salute. Inoltre la dichiarazione può essere modificata in ogni momento, infatti fa fede alle ultime volontà esposte.

La dichiarazione per la donazione degli organi

La dichiarazione sopra citata può anche contenere il dissenso alla donazione degli organi, infatti, ogni cittadino è libero di esprimere la propria opinione e di prendere la decisione che sente più giusta. Le persone che sono interessate alla donazione degli organi possono anche richiedere al Ministero della Sanità un apposito tesserino, che deve essere conservato insieme ai documenti personali. Quando una persona esprime il desiderio di donare gli organi presso un’ASL, quest’ultima ha il compito di inserire i dati dell’interessato nell’archivio del Centro Nazionale per i Trapianti, che a sua volta è collegato con i Centri interregionali. Se un cittadino non ha mai espresso la propria opinione riguardo alla donazione di organi, la legge stabilisce che i familiari possono opporsi al prelievo.

A chi spetta la decisione?

La donazione di organi non sempre viene decisa dalla persona interessata. Infatti ci sono diverse situazioni in cui intervengono anche parenti e amici. Andiamo ad esaminare i vari casi.

  • Nel caso in cui la persona, alla quale si possono espiantare gli organi è minorenne, spetta ai genitori la decisione di donare o no gli organi, è importante però sottolineare che per procedere all’espianto devono essere entrambi d’accordo. I cittadini che hanno espresso la propria volontà riguardo questo tema, ma che vogliono cambiare la loro decisione, possono farlo in qualsiasi momento.
  • Se il cittadino ha espresso il proprio consenso alla donazione degli organi e i suoi familiari non possono opporsi.
  • Se il cittadino ha espresso il suo dissenso alla donazione, perciò gli organi non possono essere nella maniera più assoluta espiantati
  • Se invece il cittadino non ha mai espresso la propria volontà e la donazione degli organi è possibile solo nel caso in cui i suoi familiari non si oppongano, infatti in quel caso spetta al familiare più prossimo prendere la decisione.

 

Altri Articoli

Funerale a rate a Roma: quali sono i vantaggi?

La crisi economica di questi ultimi anni ha creato numerose difficoltà e i risparmi a lungo termine che le famiglie avevano messo da parte sono stati intaccati per riuscire ad arrivare almeno a fine mese. Ancora più grave è la situazione di chi all’improvviso si è trovato ad affrontare la scomparsa di un familiare, dove al dolore per l’accaduto si aggiunge spesso la preoccupazione di non riuscire a sostenere le spese necessarie per l’organizzazione anche di un funerale semplice e senza pretese.

Trasporto funebre: in cosa consiste?

Il trasporto funebre consiste nel trasferimento della salma del defunto dal luogo di decesso, o dal luogo del suo ritrovamento, fino ad uno dei luoghi adibiti alla conservazione, che possono essere: l'obitorio, il deposito di osservazione, un cimitero, le sale anatomiche.

Tasse estumulazione salma: fuori comune

L'estumulazione è l'estrazione del feretro dalla nicchia dove lo stesso era stato in precedenza tumulato; è insomma l'opposto della tumulazione. Con l'estumulazione vengono dunque dunque riaperti i loculi e le cappelle contenenti le ossa del defunto, per posizionarle in apposite cassette ossarie.

Cremazione in Italia: approfondimenti

Il primo processo di cremazione in Italia nasce nel 1876, anno in cui fu costruito il primo forno crematorio a Milano. Da lì lo spunto per Paolo Gorini, assistente alla prima cremazione, di creare un impianto di cremazione più semplice ed economico e che fu diffuso anche in Giappone e in Inghilterra.

Cimitero Verano: scoprite i tour tra le tombe famose

L'immagine della tomba del famose attore  Vittorio Gassman posta al cimitero del Verano

Il Cimitero Monumentale del Verano racchiude in sè storia, arte, ricordi e curiosità molto spesso dimenticati. Si tratta di un vero e proprio museo oltre che luogo di riposo eterno, per questo la città di Roma ha deciso, in collaborazione con l’azienda Ama, di permettere a turisti e residenti di ammirare e conoscere appieno questo luogo unico al mondo. Il progetto si chiama “Passeggiate tra i ricordi” e si sviluppa in ben 11 itinerari uno diverso dall’altro, che accompagnano i visitatori in un viaggio tra monumenti e racconti sui grandi personaggi storici che sono sepolti nel cimitero.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group