Search HP

La perdita di chi occupa una parte del nostro cuore e del nostro amore è sicuramente un momento difficile e triste da sopportare. Molte persone affidano il compito dell'organizzazione del funerale alle agenzie di onoranze funebri, che contano sulla collaborazione di personale sensibile, professionale e cortese.

Spesso, le agenzie di pompe funebri, rappresentano anche un sostegno morale per chi subisce la perdita di un proprio caro e aiutano quest'ultimi anche nell'allestimento della camera ardente e nella fornitura dell'arredo funebre, che offrono sempre tra i loro servizi.

La camera ardente è generalmente allestita nella casa dove viveva il defunto o presso l'abitazione del parente più stretto in vita. La camera ardente è il luogo dove, tutti coloro che lo desiderano, possono portare un ultimo saluto al defunto, prima della cerimonia funebre e della sepoltura. Il nome camera ardente è legato alla presenza al suo interno di lumi sempre accesi, che simboleggiano il fuoco che arde.

L'arredo funebre, con il quale l'agenzia addetta allestisce la camera ardente, è costituito da un paravento di tessuto che va a ricoprire le pareti della stanza e l'arredamento. Nella camera ardente è poi posizionato un palco funebre, che ha il compito di sostenere la bara di legno in cui riposa il defunto, dei fiori freschi, un tappeto e delle luci sempre accese, che come abbiamo già detto simboleggiano il fuoco.

elementi di un tipico arredo funebre

Gli elementi di arredo funerario più comuni

Quando avviene un decesso in casa e la camera ardente viene allestita in un ambiente domestico, come può essere un salone o una stanza da letto, vengono messi alcuni elementi d'arredo per rendere più confortevole il momento dell'ultimo saluto al defunto. Tra questi c'è il cosìddetto catafalco, ossia una struttura pieghevole che ha il compito di sorreggere la bara aperta. Può essere in resina, ottone o cromato e in alcuni casi può includere alle due estremità (o ad una sola) anche dei "fuochi", ossia dei lumini alimentati a batteria. Per chi lo desidera, è possibile anche prevedere una copertura del catafalco, fatta di velluto e personalizzabile con una scritta. Altro elemento molto utilizzato è quello che consente di nascondere i mobili della stanza per isolare il feretro e creare un ambiente più raccolto, di norma si tratta di accessori a soffietto o negli ultimi tempi anche di roll-up che possono essere facilmente montati, in entrambi i casi si può scegliere l'immagine raffigurata sopra. Un piccolo leggio per il libro firme è un altro elemento che si può mettere per consentire ad amici e parenti di lasciare un pensiero,  per il defunto e la sua famiglia. Infine si possono mettere degli addobbi floreali in vasi, i più comuni in queste occasioni sono i lilium, le rose e le gerbere.

Decorazioni per le tombe

Anche il luogo in cui il nostro caro riposerà in eterno, può essere "abbellito" e reso più confortevole anche per chi va in visita al cimitero. L'arte funeraria cimiteriale propone diversi articoli che si possono mettere ad ornamento su tombe e loculi, tra questi le lampade votive sia da mettere a terra che a parete, in materiali e fogge diverse, a cui si aggiungono quelle portacero in genere in bronzo o acciaio. Ci sono poi i vasi per i mazzi di fiori e quelli per contenere uno solo (in genere per un'orchidea o una rosa), infine si possono adornare anche le lapidi con degli elementi decorativi, ad esempio con dei rami di fiori in bronzo e cristallo.

Altri Articoli

Cimitero monumentale Verano: storia e curiosità

monumento funebre all'interno del Cimitero Verano

Tutta l’area che si trova intorno al Verano è stata da circa venti secoli utilizzata come luogo di sepoltura dei defunti. Conosciuto anche con il nome di Cimitero Monumentale, rappresenta anche un enorme patrimonio artistico-culturale molto caro ai romani e ai numerosi turisti che ogni anno dedicano una visita a questo luogo fatto di ricordi, arte e testimonianze storiche.

Necrologio: i consigli per scriverlo

Addobbi funerari in chiesa

Il Necrologio è un elogio funebre dedicato alla persona scomparsa. Essendo un tema molto delicato, è bene non lasciare al caso la composizione di un necrologio, quanto piuttosto dedicare molta attenzione nella sua redazione.

Estumulazione comune di Roma

Dopo un po' di tempo dalla morte di un caro, potrebbe verificarsi la necessità di estrarre il feretro del defunto dal loculo nel quale era stato precedentemente inserito. Tale procedimento si chiama estumulazione e rappresenta l'operazione inversa alla tumulazione. L'estumulazione si verifica infatti proprio dopo un precedente processo di tumulazione.

Cremazione in Italia: approfondimenti

Il primo processo di cremazione in Italia nasce nel 1876, anno in cui fu costruito il primo forno crematorio a Milano. Da lì lo spunto per Paolo Gorini, assistente alla prima cremazione, di creare un impianto di cremazione più semplice ed economico e che fu diffuso anche in Giappone e in Inghilterra.

Arte funeraria: scopri cos'è

La morte di una persona cara resta sempre l'evento più triste per quelli, amici e parenti, che rimangono in vita. Per coloro che intendono organizzare un funerale particolare, artistico e personalizzato e ricordare così al meglio il defunto, è possibile affidarsi all'arte funeraria.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group