Search HP

A seconda del luogo e del periodo storico, il funerale assume varie forme, in base anche alle tradizioni in cui la persona defunta ha vissuto e alla sua scelta in merito quando era vivo. Quando si parla di funerale, infatti ci viene subito in mente il classico funerale cattolico tipico della tradizione italiana. Questo tipo di cerimonia va incontro alla cultura ecclesiastica del nostro paese, ma non per questo deve essere universale oppure dato per scontato. Ci sono differenti tipi di funerali che abbracciano culture, tradizioni e credenze dal funerale buddista, ebraico, e addirittura laico. Anche se a volte cerimonie che si allontanano dalla nostra cultura possono essere malviste, esistono e si stanno diffondendo.

Norme sul funerale

In Italia i funerali si svolgono basandosi sul decreto normativo DPR 285/90, e sui vari aggiornamenti discussi in seguito e altre circolari interpretative che ne hanno migliorato l'interpretazione. Per quanto riguarda la regolamentazione di tutta una serie di requisiti legati alla realizzazione del funerale, come ad esempio l'esercizio delle attività sanitarie, il servizio mortuario, le strutture e le tecnologie dei servizi funebri, si segue quanto previsto dal DPR 15/97

Volontà del defunto

Di norma, in Italia il funerale segue le ultime volontà espresse dal defunto in vita. Se una persona in fin di vita ha paura che i suoi eredi non rispettino le volontà di realizzazione del proprio funerale, può lasciare un testamento olografo, scritto di suo pugno, datato e firmato. Il testamento olografo che prescrive le modalità del funerale, viene chiuso e consegnato ad un notaio il quale verificherà il corretto andamento del funerale secondo le richieste del defunto. Si parla di un documento molto importante, spesso purtroppo parenti e amici non sono d’accordo con le scelte effettuate dal defunto prima di morire, quindi in assenza di una testimonianza scritta si sentono liberi di comportarsi come meglio credono. Invece tramite il testamento non potranno tirarsi indietro alle volontà del caro defunto, anche se non sono d’accordo con la sua religione o con la modalità di sepoltura scelta.

Tipologie funerale

Il funerale può essere realizzato secondo un rito civile oppure religioso. Il funerale secondo rito civile è molto semplice e richiama la collettività al rispetto per la morte della persona, e non viene eseguito secondo canoni codificati, ma viene applicato il buon senso al momento della celebrazione. Il rito religioso del funerale in Italia è prevalentemente di tradizione cattolica, e si compone di tre parti: la veglia o contemplazione del defunto, la cerimonia funebre officiata dal sacerdote e il pio officio della sepoltura del defunto.

 

Altri Articoli

Cremazione cani e animali domestici: come fare e a chi rivolgersi

la cremazione degli animali intesa come gesto d'affetto verso i nostri amici a quattro zampeLa perdita del proprio animale domestico è un momento di lutto durissimo da affrontare, soprattutto perché rappresenta comunque la morte di una parte fondamentale della propria famiglia, che sicuramente proverà un dolore e una tristezza senza precedenti.

Allestimento camere ardenti Roma: a chi rivolgersi?

Immagine rappresentativa dell'allestimento di una camera ardente

Quando ci troviamo ad affrontare la scomparsa di un familiare è difficile mantenere la lucidità necessaria per assolvere ad una serie di incombenze che purtroppo devo essere necessariamente eseguite, come: l’organizzazione delle esequie, la scelta della bara e l’allestimento delle camere ardenti. Si vorrebbe restare soli col proprio dolore ed è per questo che si richiede l’intervento delle agenzie di onoranze funebri, al fine di delegare a loro tali pratiche.

Donazione organi: scoprite come fare

immagine metaforica rappresentante la donazione di organiLa legge n°91 del 1 aprile 1999 e il decreto ministeriale dell’8 aprile 2000 regolano la dichiarazione della volontà di donare gli organi. Nel caso in cui una persona voglia esprimere la volontà di donare gli organi, deve rilasciare una dichiarazione scritta oppure può registrare la propria decisione presso la ASL di appartenenza o presso il proprio medico curante.

Constatare il decesso: scoprite a chi spetta

La morte di un corpo ha inizio quando le funzioni cardiocircolatorie, respiratorie e nervose cessano la loro attività. Seconda la legge 578/93 del 29 dicembre 1993 è considerato privo di vita un corpo nel quale le funzioni dell’encefalo sono cessate.

Cosa fare dopo il decesso: scoprite quali sono le pratiche burocratiche

Uno dei momenti più drammatici della vita è quello sicuramente di affrontare il decesso di una persona cara, ovvero di uno dei nostri parenti più prossimi all'interno della cerchia familiare.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group