Search HP

La perdita di una persona cara è un evento particolarmente difficile da sopportare. Il più delle volte amici e parenti si stringono attorno alla famiglia colpita dal lutto dando forza o semplicemente un aiuto a svolgere le pratiche funerarie. I ringraziamenti per il funerale possono avvenire in diverse modalità, che ora vedremo: l'importante è non dimenticare mai di esprimere la propria gratitudine a chi ha mostrato affetto.

Bigliettino di gratitudine secondo il galateo

Il metodo classico per esprimere la propria gratitudine alle persone che hanno partecipato al funerale è l'invio, tramite posta, di un bigliettino. Generalmente sono dei biglietti bianchi, nell'angolo in alto a sinistra si trova una riga nera e sono grandi quanto un biglietto da visita. Non occorre scrivervi molto all'interno, basterà scrivere questa frase "La famiglia Brambilla ringrazia" ma si potrebbe anche aggiungere un messaggio di poche righe. Secondo il galateo questi dovrebbero essere scritti a mano, sia il biglietto sia l'indirizzo sulla busta. Questa non dovrebbe essere sigillata.

Il più delle volte la famiglia del defunto affida questo compito alle onoranze funebri, uno dei servizi funebri che rientra il più delle volte nella spesa, che a loro volta affidano a una tipografia di fiducia. La stampa di 50 biglietti – questo il numero che normalmente viene richiesto – ha un costo molto basso: spetterà alla famiglia la decisione se consegnarli a mano oppure inviarli. Cosa molto importante è quella di cercare di consegnare questi biglietti di ringraziamento a ridosso del funerale, la cosa giusta sarebbe quella di inviarli nei giorni seguenti e comunque non oltre le due settimane.Biglietto di esempio per dei ringraziamenti per un funerale

Frasi di ringraziamenti dopo il funerale

Durante questi attimi di dolore e di sconforto la famiglia colpita dal lutto deve trovare la forza di rispondere a tutte le persone che gli hanno mandato delle frasi di condoglianze. Sicuramente, con la testa da un’altra parte, non sarà facile trovare le giuste parole per esprimere riconoscenza a chi vi è stato vicino. Ecco alcune frasi standard, più o meno confidenziali, che potreste aggiungere nei biglietti:

  • I Familiari ringraziano sentitamente per aver partecipato alla cerimonia funebre
  • La famiglia esprime gratitudine per il sostegno ricevuto in questo triste momento
  • La famiglia esprime gratitudine per il calore espresso in questo doloroso momento
  • La famiglia esprime gratitudine per la vicinanza ricevuta in questa delicata circostanza
  • Ti ringrazio per essermi stato vicino
  • Ti ringrazio per avermi sostenuto
  • Ti ringrazio per essermi stato vicino
  • Ti ringrazio per avermi confortato attraverso le tue parole

Queste invece sono le frasi che si potrebbero utilizzare per rispondere a chi ha voluto manifestare la propria vicinanza con manifesti funebri o con pagine di necrologi:

  • La famiglia sentitamente ringrazia a tutti coloro che hanno espresso affetto e sostegno in questo triste momento
  • La famiglia ringrazia tutte le persone che si sono unite in cordoglio al dolore per il nostro lutto
  • Non avendo la possibilità di ringraziarvi personalmente la famiglia ringrazia le persone che si sono unite al dolore per la morte del nostro caro

A chi inviare i biglietti

Innanzitutto è doveroso rendere grazie a chi ha manifestato particolare affetto attraverso l'invio di un telegramma, una lettera oppure inviando addobbi floreali. A prescindere del grado di parentela o amicizia, a questi occorrerebbe inviare i bigliettini. Se qualcuno ha inviato le proprie condoglianze tramite sms, social network, email si utilizzeranno questi anche per la risposta.

Ma si possono mandare i biglietti anche a chi ha fattivamente aiutato la famiglia come ad esempio il parroco che ha celebrato la messa – se questi è stato chiamato a celebrare la funzione in un'altra chiesa – oppure ad un amico che si è interessato del funerale e del disbrigo delle pratiche burocratiche.

Altri Articoli

Cremazione a Roma: quali sono i costi?

Servizio funebre della cremazione

Nei casi di morte di una persona cara, una pratica oggigiorno molto usata e alternativa ai metodi canonici di tumulazione e inumazione, è quella della cremazione. Questa pratica funebre prevede la riduzione del corpo del defunto in gas e frammenti ossei, mediante combustione; le ceneri poi andranno custodite all'interno di un'urna cineraria apposita e successivamente sepolte o sparse da qualche parte secondo le scelte pregresse del defunto stesso o dei familiari rimasti in vita.

Illuminazione votiva: sai come funziona il servizio cimiteriale?

L'illuminazione votiva indica il servizio di illuminazione nei cimiteri, nello specifico identifica la lampada che viene inserita sulle sepolture o all'interno delle cappelle private per illuminare il luogo di riposo del caro estinto. L'illuminazione votiva sulle sepolture viene solitamente attivata o disattivata su richiesta dei familiari rimasti in vita e proprietari della struttura nella quale è stata inserita la salma del defunto.

Cremazione in Italia: approfondimenti

Il primo processo di cremazione in Italia nasce nel 1876, anno in cui fu costruito il primo forno crematorio a Milano. Da lì lo spunto per Paolo Gorini, assistente alla prima cremazione, di creare un impianto di cremazione più semplice ed economico e che fu diffuso anche in Giappone e in Inghilterra.

Spese funerarie: quali sono e quanto si può detrarre

stabilire a priori il costo di un servizio: le spese funerarie sono numerose e molte di queste dipendono da variabili esterne che a breve verranno trattate. Tuttavia, una parte di questa spesa può essere detratta. Vediamo come.

Organizzare un funerale: scoprite come farlo

Organizzare un funerale tramite un'agenzia funebre

Organizzare un funerale, soprattutto, per una persona cara è qualcosa di estremamente gravoso e difficile. Fortunatamente, una volta contattata l'impresa di onoranze funebri è questa a farsi carico delle più difficili incombenze.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group