Search HP

Organizzare un funerale tramite un'agenzia funebre

Organizzare un funerale, soprattutto, per una persona cara è qualcosa di estremamente gravoso e difficile. Fortunatamente, una volta contattata l'impresa di onoranze funebri è questa a farsi carico delle più difficili incombenze. Nessuno in un momento di dolore e sconforto ha la forza e la volontà di occuparsi di pratiche burocratiche. Infatti un’agenzia funebre che si rispetti come Cattolica San Lorenzo si occuperà di tutti questi noiosissimi compiti aiutandovi nella preparazione di un funerale perfetto e che possa rende onore al vostro amico o parente defunto. Ecco in seguito alcuni semplici passi su come organizzare un funerale.

Le prime decisioni: di cosa occuparsi nei primi momenti della perdita (e di come affidarsi alla ditta)

Una volta avvenuta la dipartita, è necessario contattare subito l'agenzia funebre di fiducia. Questa giungerà nel luogo della perdita il prima possibile, recando con sé tutti gli oggetti e la documentazione necessaria. I familiari, intanto, dovranno preparare gli abiti con i quali si vuole vestire il caro estinto e, se ritengono, procedere oppure lasciare il compito agli addetti dell'impresa. Invece è necessario che predispongano i documenti personali del defunto (codice fiscale e carta d'identità) e l'eventuale documentazione relativa alla tomba, se presente.

Una volta arrivata la ditta, questa si preoccuperà di allestire la sala del commiato sia che si tratti di un'abitazione che della camera mortuaria dell'ospedale: verranno collocati i candelabri, il tavolino per le firme, verrà vestita la salma e adagiata sulla bara e questa verrà portata nella sala dedicata. Un addetto dell'impresa compilerà tutta la documentazione finalizzata alla richiesta delle autorizzazioni al Comune ed eventualmente al Cimitero, per completare le quali servono i documenti personali del defunto ma anche di un parente stretto che assuma il compito di garante delle operazioni mirate ad organizzare il funerale.

La messa e la tumulazione

Occorre quindi stabilire se e dove celebrare la Messa in suffragio del defunto. Molti cimiteri hanno una chiesa creata ad hoc, ma le famiglie ritengono spesso più opportuno celebrarla nella parrocchia di appartenenza del defunto. Eventuali cuscini o mazzi di fiori possono venir richiesti alla ditta (la quale può o possedere un negozio di fiori personale oppure appoggiarsi ad un fioraio di fiducia).

Espletate tutte le pratiche e la messa, il feretro viene portato al cimitero per mezzo del carro funebre, di proprietà della ditta o in affitto. A seconda delle richieste della famiglia e della disponibilità del Campo santo, sarà possibile effettuare la tumulazione, inumare o cremare il caro estinto. In alcuni casi, a causa dei tempi burocratici e tecnici, potrà verificarsi la possibilità di dover lasciare pochi giorni la bara al deposito del Cimitero.

In ogni caso, sarà la ditta a preoccuparsi di avvisare la famiglia e a consigliarla per evitare che le pratiche si prolunghino troppo a lungo a svantaggio, anche, del costo

 

Altri Articoli

Scadenza loculi: tutte le informazioni utili

La scomparsa di una persona cara è sempre un momento molto difficile da vivere e superare, soprattutto se quest’ultima occupava un posto special nel nostro cuore. I parenti o chi si occupa del funerale possono decidere di far seppellire il corpo del defunto oppure di tumularlo all’interno di un loculo.

Cimitero Cani: tutto quello che c'è da sapere

Gli animali hanno un ruolo sempre più importante nella vita di tutti noi, sono ottimi e fedeli amici e spesso fanno compagnia alle persone sole. Tutti i bambini sognano di poter ospitare un animale nella propria casa, magari un simpatico cagnolino da portare a passeggio nel parco e con il quale giocare.

Tanatoprassi: che cosa è

La Tanatoprassi (dal greco tanatos - "morte" e prassi - "pratica") comprende il complesso di trattamenti estetici sulle salme; è molto adoperata negli Stati Uniti, molto meno invece nel nostro Paese.

Medico necroscopo: quali sono le sue funzioni?

La medicina necroscopica si fonda su due norme fondamentali, ovvero il DPR 285-90 che è il regolamento di polizia mortuaria, ed il R.D. 9-7-1939 nell'ordinamento civile, ed il DPR 3-11-2000 n. 396.

Dispersione ceneri: 130/2001 art. 4-8

Dispersione di ceneri a cielo aperto

Riguardo alla dispersione delle ceneri, nei casi di cremazione del defunto, esiste la legge n. 130 del 30 marzo 2001, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2001. Tale legge erogata dalla Parlamento Italiano, disciplina le modalità di cremazione e di dispersione delle ceneri stesse.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group