Search HP

Addobbi funerari in chiesa

Il necrologio, pubblicato su un giornale o su un sito, è un componimento che va a descrivere la persona scomparsa, e dunque deve fornire un ricordo, in poche righe, della stessa, senza che si vada ad urtare la sensibilità dei conoscenti e delle persone legate al defunto. Si tratta di una dinamica molto delicata, che rischi di colpire la sensibilità di persone che già si trovano in una situazione di sconforto. Non è facile leggere della scomparsa di una persona cara, figuriamoci se le parole che la descrivono risultano offensive o poco adatte alla situazione.

Pertanto cerchiamo di fornirvi alcuni consigli su come redigere questo testo di cordoglio evitando di mandare un messaggio indelicato e insensibile nei confronti di chi lo leggerà.

Elementi fondamentali

Innanzitutto è bene sapere quali sono gli elementi indispensabili, prime fra tutti le date di nascita e morte che spesso, e incredibilmente, qualcuno omette. Soprattutto per chi vuole presenziare al funerale, è fondamentale sapere la data del decesso, dato altrettanto importante in previsione degli anniversari di morte. Poi ricordiamoci di inserire i parenti più stretti, evitando di sbagliare i vincoli di parentela, nessuno di loro apprezzerebbe di essere dimenticato.

Rileggete più volte ciò che avete scritto, commettere errori di ortografia sarebbe segno di disattenzione e superficialità, non sarebbero quindi apprezzati.

Ponetevi dei limiti di lunghezza, non esagerate né siate troppo stretti. Ma, soprattutto, non dilungatevi troppo o rischierete, se dovete pubblicare su giornale, che il vostro necrologio venga tagliato sui punti fondamentali.

Funzionalità

Il necrologio deve essere, oltre che un elogio funebre, anche funzionale a far conoscere i dettagli su luogo, ora della cerimonia funebre e sulle onoranze funebri, nonché a far conoscere le modalità di donazione memoriale. Per rendere più interessante il messaggio è possibile arricchire lo stesso con particolari interessanti della vita della persona defunta, sottolineando ad esempio l'età, i servizi offerti allo Stato, alla Chiesa o alla comunità locale: il necrologio è un vero e proprio omaggio alla persona defunta e una celebrazione della sua vita trascorsa.

Fate attenzione a non confondere il necrologio funebre con il telegramma di condoglianze. Si tratta di due documenti completamente diversi. Infatti mentre il primo è esclusivamente formale e di dominio pubblico, il secondo è una lettera intima che un amico o un parente invia, in modo discreto e privato, alla famiglia colpita dal lutto. Mentre nel necrologio si parla con un linguaggio distaccato, il tono utilizzato nel telegramma è di gran lunga più confidenziale, un testo volto a dimostrare tutto l’affetto nei confronti di amici o comunque persone con cui abbiamo un legame di intimità.

Per concludere questi piccoli suggerimenti per la redazione di un necrologio, ricordiamo ancora di leggere e rileggere ciò che avete scritto, chiedendo eventualmente ad un conoscente di leggerlo a sua volta per vedere se il tutto funziona.

Altri Articoli

Raccolta resti mortali alla scadenza loculo: cosa fare?

Raccolta resti mortali alla scadenza trentennale

Dispersione ceneri in mare: è possibile?

La cremazione è quel processo che trasforma il corpo del defunto in frammenti ossei e cenere, che sono poi deposti all'interno di un'urna cineraria. L'urna cineraria può essere conservata all'interno di una abitazione, può essere tumulata oppure le ceneri possono essere disperse nei luoghi che prevede il Comune.

Certificato di morte: come procedere?

Funerale e sepoltura dopo la stipula del certificato di morte

Quando muore un individuo, è necessario attestare le cause del decesso, nonché ora, luogo e tutti i dati necessari a identificare la salma. È infatti obbligatorio redigere un certificato di morte apposito, per ufficializzare il decesso del soggetto. Il certificato di morte va stilato da un familiare del defunto, da un suo convivente o da un eventuale delegato (ad esempio l'agenzia funebre).

Scadenza loculi trentennali: cosa occorre sapere

Dopo trent'anni dalla sepoltura della salma, scade la concessione dei loculi cimiteriali in un determinato luogo; ciò è previsto dalla delibera del Consiglio Comunale 1032 del 2 marzo 1976 e dall'art. 37 del Regolamento comunale di Polizia Cimiteriale (delibera n. 3516 del 30 ottobre 1979).

Onoranze funebri: di cosa si occupano?

Quando muore un parente o un amico, per chi rimane in vita è molto dura; la morte di una persona cara è infatti uno dei momenti più difficili per un individuo, soprattutto perché, oltre alla sofferenza, si dovrà provvedere a organizzare i funerali per dare l'estremo saluto al defunto.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group