Search HP

Il necrologio, pubblicato su un giornale o su un sito, è un componimento che va a descrivere la persona scomparsa, e dunque deve fornire un ricordo, in poche righe, della stessa, senza che si vada ad urtare la sensibilità dei conoscenti e delle persone legate al defunto.

Pertanto cerchiamo di fornirvi alcuni consigli su come redigere un necrologio evitando di apparire indelicati e insensibili nei confronti di chi lo leggerà.

Elementi fondamentali

Innanzitutto è bene sapere quali sono gli elementi indispensabili del necrologio, prime fra tutti le date di nascita e morte che spesso, e incredibilmente, qualcuno omette. Poi ricordiamoci di inserire i parenti più stretti, evitando di sbagliare i vincoli di parentela.

Rileggete più volte il necrologio, gli errori di ortografia non sono ammessi!

Ponetevi dei limiti di lunghezza, non esagerate né siate troppo stretti con il necrologio. Ma, soprattutto, non dilungatevi troppo o rischierete, se dovete pubblicare su giornale, che il vostro necrologio venga tagliato sui punti fondamentali.

Funzionalità

Il necrologio deve essere, oltre che un elogio funebre, anche funzionale a far conoscere i dettagli su luogo e ora della cerimonia funebre, nonché a far conoscere le modalità di donazione memoriale. Per rendere più interessante il necrologio è possibile arricchire lo stesso con particolari interessanti della vita della persona defunta, sottolineando ad esempio l'età, i servizi offerti allo Stato, alla Chiesa o alla comunità locale: il necrologio è un vero e proprio omaggio alla persona defunta e una celebrazione della sua vita trascorsa.

Per concludere questi piccoli suggerimenti per la redazione di un necrologio, ricordiamo ancora di leggere e rileggere ciò che avete scritto, chiedendo eventualmente ad un conoscente di leggerlo a sua volta per vedere se il tutto funziona.

Pertanto cerchiamo di fornirvi alcuni consigli su come redigere un necrologio evitando di apparire indelicati e insensibili nei confronti di chi lo leggerà.

Elementi fondamentali

Innanzitutto è bene sapere quali sono gli elementi indispensabili del necrologio, prime fra tutti le date di nascita e morte che spesso, e incredibilmente, qualcuno omette. Poi ricordiamoci di inserire i parenti più stretti, evitando di sbagliare i vincoli di parentela.

Rileggete più volte il necrologio, gli errori di ortografia non sono ammessi!

Ponetevi dei limiti di lunghezza, non esagerate né siate troppo stretti con il necrologio. Ma, soprattutto, non dilungatevi troppo o rischierete, se dovete pubblicare su giornale, che il vostro necrologio venga tagliato sui punti fondamentali.

Funzionalità

Il necrologio deve essere, oltre che un elogio funebre, anche funzionale a far conoscere i dettagli su luogo e ora della cerimonia funebre, nonché a far conoscere le modalità di donazione memoriale.

Per rendere più interessante il necrologio è possibile arricchire lo stesso con particolari interessanti della vita della persona defunta, sottolineando ad esempio l'età, i servizi offerti allo Stato, alla Chiesa o alla comunità locale: il necrologio è un vero e proprio omaggio alla persona defunta e una celebrazione della sua vita trascorsa.

Per concludere questi piccoli suggerimenti per la redazione di un necrologio, ricordiamo ancora di leggere e rileggere ciò che avete scritto, chiedendo eventualmente ad un conoscente di leggerlo a sua volta per vedere se il tutto funziona.

12 / 01 / 2011

Il Necrologio è un elogio funebre dedicato alla persona scomparsa. Essendo un tema molto delicato, è bene non lasciare al caso la composizione di un necrologio, quanto piuttosto dedicare molta attenzione nella sua redazione

 

Il necrologio, pubblicato su un giornale o su un sito, è un componimento che va a descrivere la persona scomparsa, e dunque deve fornire un ricordo, in poche righe, della stessa, senza che si vada ad urtare la sensibilità dei conoscenti e delle persone legate al defunto.

 

Pertanto cerchiamo di fornirvi alcuni consigli su come redigere un necrologio evitando di apparire indelicati e insensibili nei confronti di chi lo leggerà.

 

Elementi fondamentali

 

Innanzitutto è bene sapere quali sono gli elementi indispensabili del necrologio, prime fra tutti le date di nascita e morte che spesso, e incredibilmente, qualcuno omette. Poi ricordiamoci di inserire i parenti più stretti, evitando di sbagliare i vincoli di parentela.

 

Rileggete più volte il necrologio, gli errori di ortografia non sono ammessi!

 

Ponetevi dei limiti di lunghezza, non esagerate né siate troppo stretti con il necrologio. Ma, soprattutto, non dilungatevi troppo o rischierete, se dovete pubblicare su giornale, che il vostro necrologio venga tagliato sui punti fondamentali.

 

Funzionalità

 

Il necrologio deve essere, oltre che un elogio funebre, anche funzionale a far conoscere i dettagli su luogo e ora della cerimonia funebre, nonché a far conoscere le modalità di donazione memoriale.

 

Per rendere più interessante il necrologio è possibile arricchire lo stesso con particolari interessanti della vita della persona defunta, sottolineando ad esempio l'età, i servizi offerti allo Stato, alla Chiesa o alla comunità locale: il necrologio è un vero e proprio omaggio alla persona defunta e una celebrazione della sua vita trascorsa.

 

Per concludere questi piccoli suggerimenti per la redazione di un necrologio, ricordiamo ancora di leggere e rileggere ciò che avete scritto, chiedendo eventualmente ad un conoscente di leggerlo a sua volta per vedere se il tutto funziona.

 

12 / 01 / 2011

Altri Articoli

Cimiteri capitolini: chi ha diritto alla sepoluta?

San Vittorino uno dei cimiteri capitolini

Gli 11 cimiteri capitolini presenti nel comune di Roma sono:

Decesso in abitazione: scoprite cosa fare.

La morte di una persona può verificarsi in circostanze diverse. Qualora il decesso si verifichi all'interno di un'abitazione privata, uno dei parenti o, in assenza di essi, un amico del defunto, dovrà nel più breve tempo possibile, svolgere determinate e fondamentali mansioni.

Autorizzazione cremazione: come si ottiene?

La cremazione è una pratica funeraria mediante la quale il corpo del defunto è ridotto in gas e piccoli resti di ossa che in seguito sono trasformati in cenere. La polvere derivante da questa operazione generalmente è consegnata ai familiari del defunto all’interno di un’urna, che può essere conservata in casa oppure deposta in un cimitero.

Finanziamenti funerali a Roma: perchè sceglierli?

La scomparsa di una persona cara è un momento doloroso da affrontare e ancora più doloroso è dover pensare a tutta una serie di questioni burocratiche, in primis l’organizzazione del funerale che, in un momento di crisi quale quello attuale, rappresenta per molte persone una spesa difficile da sostenere. E’ per questo che diverse agenzie di pompe funebri stanno proponendo ai propri clienti forme di finanziamenti per i funerali a Roma, soprattutto per coloro che non riescono ad affrontare tale spesa in un’unica soluzione di pagamento.

Cassa da morto: scoprtie le forme e la qualità

La cassa da morto è il simbolo per eccellenza del funerale. Ne esistono di numerose tipologie e prezzi: l'impresario funebre di fiducia sarà in grado di consigliare la famiglia sull'opzione migliore.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group