Il requiem è la messa che viene celebrata, seguendo il rito cattolico, in onore del defunto, durante il funerale. Secondo i precetti della religione cattolica il requiem in onore dei defunti che sono in Purgatorio, può aiutare l’espiazione dei peccati commessi durante la vita e diminuire quindi i giorni di permanenza in Purgatorio. Il requiem è utilizzato a volte come servizio funebre, nei funerali solenni ed è considerato parte della liturgia il 2 novembre, giorno in cui si ricordano i defunti.

Musica da requiem

requiem

Il requiem è anche una composizione musicale che ha come testo gli inni dei riti cattolici, e nel passato diversi noti compositori, come Mozart, si sono cimentati nella realizzazione di requiem. I testi della messa, come l’Introito e il Graduale, cambiano in base al calendario liturgico, invece i requiem nella messa esequiale sono sempre fissi. Molte persone vivono il momento della messa funebre come l’ultimo modo per salutare e dire addio alla cara persona defunta. Per questo motivo i requiem sono testi molto drammatici, che coinvolgono chi li ascolta.

Un po' di storia

Per tantissimi secoli i testi dei requiem furono cantati sulle melodie gregoriane. La primissima impostazione polifonica è attribuita generalmente al compositore Johannes Ockeghem, attorno al 1460; si pensa che il suo requiem si ispirasse molto al collega più anziano Guillaume Dufay, anche se purtroppo la partitura di Dufay è andata persa. Parecchi dei primi requiem usano testi differenti da quelli della liturgia ufficiale, perché probabilmente, prima del Concilio di Trento, erano diverse le impostazioni liturgiche in vari paesi europei. I primi requiem che comprendono il Dies irae sono quelli di Engarandus Juvenis, nel codice di Staffarda alla fine del XV secolo, e il requiem di Antoine Brumel, del 1500.

Ad oggi sono stati composti più di 2.000 requiem e molte delle versioni rinascimentali erano eseguite senza strumenti, con il canto a cappella, invece a partire dal secolo XVII i compositori preferirono accostare l'uso di strumenti per l’accompagnamento del coro, aggiungendo anche voci soliste.

 

 

L’interessato autorizza al trattamento dei propri dati personali (Informativa Privacy ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679; clicca qui per sapere come gestiamo Privacy e Cookie) per le seguenti finalità: