In assenza di figli, la legge disciplina infatti che solo una parte dell'eredità vada al coniuge, mentre il resto sarà di proprietà di sorelle e fratelli; ecco perché, per scegliere una ripartizione diversa e libera del patrimonio, è necessario fare testamento. Fare testamento è utile soprattutto nei casi in cui il testatore intenda lasciare un determinato bene unicamente a una persona o dividere personalmente e secondo le sue esigenze e desideri il patrimonio tra gli eredi. È dunque spesso necessario occuparsi della successione per tempo. Nel tempo si è iniziato a parlare anche di testamento biologico, si tratta di due documenti completamente differenti, attenzione a non confonderli.

Esistono diverse modalità per fare testamento; il più comune è quello di redigere il testamento olografo, scrivendo direttamente da sé le proprie volontà e firmando, indicando anche la data. È possibile fare testamento anche mediante la procedura pubblica, con documento redatto dal notaio. Questo tipo di testamento, prevede la verifica delle capacità di intendere e volere ad opera del notaio; è dunque indicato per i testatori molto anziani. Il testamento può infine essere cambiato in qualunque momento, qualora ci fossero dei ripensamenti, delle modifiche o delle variazioni nelle ripartizioni decise dal testatore.