Search HP

immagine di due mani che si stringono a causa del decesso del partente o amico caro

 La constatazione di decesso è costituita dall’insieme di tutte le pratiche medico-legali che si effettuano per stabilire la diagnosi di morte e redigerne la dichiarazione delle cause, ovvero, dare inizio a un’eventuale autopsia, autorizzare il prelievo degli organi, se espressamente richiesto dai parenti del defunto e infine autorizzare la sepoltura. Non spetta di certo a parenti o amici constatare il decesso del loro caro, ma spetta ad una figura professionale, ovvero un medico.

Ci sono, ad ogni modo diversi casi di decesso, infatti non sempre quest’ultimo avviene in una struttura ospedaliera, in quanto può trattarsi di un incidente o di una morte improvvisa. Bisogna quindi sapere come comprtarsi in ogni caso specifico.

Due casi di decesso da prendere in considerazione

Ci sono due casi, con due procedure diverse per la dichiarazione di morte, infatti, come già accennato sopra, non sempre il decesso avviene in un ospedale o in una casa di riposo. Ci sono delle differenze sostanziali tra i diversi casi di decesso ed è importante conoscerle, in quanto il tempo a disposizione per muovere questo tipo di pratiche burocratiche, dopo la morte di un caro parente o amico, non è molto.

Come spiegherò in seguito infatti, la constatazione di morte deve avvenire in 24 ore, per motivi sia legali che fisici.

Tenete presente, in entrambi i casi, che la constatazione di decesso non è altro che un certificato su carta semplice che il medico rilascia ai parenti del defunto che, per l’appunto, dichiara ufficialmente l’avvenuto decesso. I passi successivi non sono regolati da alcuna legge, una volta avvenuta la constatazione, iniziano regolarmente a decorrere gli adempimenti successivi.

Decesso a domicilo o in luogo pubblico

Nel caso di decesso a domicilio la constatazione di morte spetta al medico di medicina generale oppure al medico di continuità assistenziale. Nel caso in cui, però si chiami il 118 per un intervento di urgenza, allora spetta ai medici, presenti durante questo intervento, dichiarare la morte del paziente, effettuando la diagnosi. In ogni caso è importante che la constatazione sia fatta nel minor tempo possibile, perchè dall’ora dichiarata possono passare solamente 24 ore entro le quali bisogna compilare la scheda ISTAT per l’accertamento della morte.

Nel caso di decesso in luogo pubblico il procedimento è più o meno lo stesso, si dà però precedenza all’intervento del 118, nel caso in cui non sia immediatamente noto il medico di medicina di generale da consultare.

Decesso in struttura ospedaliera

Se il defunto, muore in un ospedale la constatazione, ovviamente, spetta al personale medico ospedaliero interno alla struttura. Le onoranze funebri, quindi, hanno diritto ad effettuare attività, come vestizione o collocazione in bara, solo dopo la diagnosi di morte dichiarata dal medico di turno. La refrigerazione, invece può avvenire solamente dopo l’accertamento del medico necroscopo e non prima delle 24 ore, togliendo ovviamente i casi di decompostizione o putrefazione in stato avanzato.

In caso in cui venga dicharata “morte sospetta”, e questo vale in entrambi i casi sopra elencati, bisogna informare l’Autorità giudiziaria che si occuperà di eventuali accertamenti. Se invece il defunto è rivo di documenti e i medici sono impossibilitati a risalire alla sua identità, il documento di accertamento va inviato al Procuratore della Reubblica, che rilascerà in seguito l’autorizzazione alla sepoltura.

Altri Articoli

Il decesso di un pensionato INPS: ecco cosa fare

procedura e documenti da presentare dopo il decesso di un pensionato inps

La morte di un proprio caro è sempre un evento molto doloroso da affrontare. La denuncia del decesso va consegnata presso l’ufficio di Stato Civile del Comune di appartenenza, deve essere presentata entro 24 ore dalla morte. Generalmente le agenzie di pompe funebri si occupano degli amdempimenti di tutte le pratiche burocratiche.

Sepoltura

La sepoltura è una operazione che prevede l'inumazione del cadavere a seguito di un rito funebre operato dalla comunità di appartenenza del defunto.

Cosa fare dopo il decesso: scoprite quali sono le pratiche burocratiche

Uno dei momenti più drammatici della vita è quello sicuramente di affrontare il decesso di una persona cara, ovvero di uno dei nostri parenti più prossimi all'interno della cerchia familiare.

Funerale a rate a Roma: quali sono i vantaggi?

La crisi economica di questi ultimi anni ha creato numerose difficoltà e i risparmi a lungo termine che le famiglie avevano messo da parte sono stati intaccati per riuscire ad arrivare almeno a fine mese. Ancora più grave è la situazione di chi all’improvviso si è trovato ad affrontare la scomparsa di un familiare, dove al dolore per l’accaduto si aggiunge spesso la preoccupazione di non riuscire a sostenere le spese necessarie per l’organizzazione anche di un funerale semplice e senza pretese.

Carro funebre: caratteristiche e requisiti

Il servizio di trasporto funebre è sempre delegato ed esercitato da imprese funebri che abbiano le autorizzazioni del caso. Le imprese funebri devono infatti possedere la licenza per esercitare tale attività commerciale, oltre alla licenza per l'attività di Agenzia di affari, così come previsto dall'art.115 del T.U. delle leggi di Pubblica Sicurezza approvato con R.D. 18 giugno 1931 n.773.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group