Search HP

lapide funeraria Uno dei modi per ricordare il proprio caro defunto, e sicuramente quello più gettonato e convenzionale, è quello di posizionare nel luogo della sepoltura una lapide tombaria dove viene ascritto il nome della salma, la sua data di nascita e morte, una foto ed eventualmente un simbolo o una frase che lo ricordi. La lapide, solitamente si presenta sotto forma di una lastra di marmo o pietra, posizionata sul sepolcro o sulla tomba vera e propria, dove è presente un'iscrizione funeraria. La lapide, quindi non è solamente una forma di marmo ma rappresenta a pieno le memorie della persona defunta.

La funzione dell’epigrafe sulla lapide

Sulla lapide viene spesso inserita l'epigrafe, frase in grado di esprimere il senso di cordoglio e tristezza per la perdita della persona venuta a mancare L’epigrafe rappresenta il “cuore” della lapide, infatti generalmente contiene un pensiero espresso dalla famiglia del defunto, delle parole che possano ricordare qualcosa di lui o lei e che possano commemorarlo al meglio. La lapide, accompagnata dall’epigrafe, rappresenta dunque una sorta di personalizzazione del rito funebre stesso, perché proprio su di essa sarà possibile inserire una frase che ricordi in modo decisivo e che tenga viva nel cuore la memoria dell'individuo ormai morto.

Chi si occupa della lapide

Le lapidi, generalmente, vengono realizzate direttamente dall'impresa funebre che si occuperà anche del funerale; solitamente l'agenzia di pompe funebri dispone di diversi tipi di lapidi dai colori che variano anche in base al tipo di marmo o pietra utilizzata per costruirle. Quindi, a meno che non si voglia una lapide particolarmente personalizzata, presso un marmista, si potrà scegliere durante l’organizzazione del funerale, quella più adatta alle esigenze dei familiari e del defunto presso l’agenzia funebre a cui ci si è rivolti

Spetterà alla famiglia e agli amici del defunto che si dedicheranno a ciò che concerne il funerale, la scelta della lapide giusta. Infatti, oltre che i gusti personali di parenti e amici, è usanza che la lapide rispecchi e si intoni con l’arredamento della chiesa o della cappella in cui avviene il funerale. Per fare in modo che questo avvenga è necessaria una giusta scelta del materiale e del colore ma anche della forma che può essere in ogni momento modificata da chi di competenza.

 

Altri Articoli

Cimitero Verano: scoprite i tour tra le tombe famose

L'immagine della tomba del famose attore  Vittorio Gassman posta al cimitero del Verano

Il Cimitero Monumentale del Verano racchiude in sè storia, arte, ricordi e curiosità molto spesso dimenticati. Si tratta di un vero e proprio museo oltre che luogo di riposo eterno, per questo la città di Roma ha deciso, in collaborazione con l’azienda Ama, di permettere a turisti e residenti di ammirare e conoscere appieno questo luogo unico al mondo. Il progetto si chiama “Passeggiate tra i ricordi” e si sviluppa in ben 11 itinerari uno diverso dall’altro, che accompagnano i visitatori in un viaggio tra monumenti e racconti sui grandi personaggi storici che sono sepolti nel cimitero.

Ricordini funebri: quale forma di ringraziamento e ricordo scegliere?

La perdita di una persona cara o di un familiare è sempre un evento difficile da accettare e così, per mantenerne sempre vivo il ricordo o per lasciare a parenti ed amici che lo desiderano qualcosa che faccia venire loro in mente chi non c’è più, è usanza comune stampare dei ricordini funebri.

Monumentini: cosa sono?

Quando si verifica uno spiacevole e triste evento come quello del decesso di una persona cara, sono molte le cose da fare per la preparazione del funerale. Oltre alla destinazione della salma, la vestizione e alle eventuali pratiche estetiche praticate sulla stessa, sono inoltre necessari altri accessori utili alla conservazione del defunto.

Funerale a rate a Roma: quali sono i vantaggi?

La crisi economica di questi ultimi anni ha creato numerose difficoltà e i risparmi a lungo termine che le famiglie avevano messo da parte sono stati intaccati per riuscire ad arrivare almeno a fine mese. Ancora più grave è la situazione di chi all’improvviso si è trovato ad affrontare la scomparsa di un familiare, dove al dolore per l’accaduto si aggiunge spesso la preoccupazione di non riuscire a sostenere le spese necessarie per l’organizzazione anche di un funerale semplice e senza pretese.

Trasferimento salma: come avviene?

Quando si verifica la morte di una persona cara, dopo la cerimonia funebre o dopo il decesso stesso, è necessario il trasferimento della salma dal luogo in cui è stato ritrovato il corpo, dalla camera ardente o dalla chiesa, verso altre destinazioni.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group