Search HP

immagine di un'urna cineraria utilizzata per la cremazione

La disposizione della chiesa che proibiva la cremazione, ormai non esiste più. E’ vero anche che, in realtà non ha mai condannato la cremazione in quanto tale, ma l’ideologia anticristiana che portava al suo seguito.

Infatti, anche nell’antichità, in casi di pestilenze o guerre, dove la sepoltura dei corpi costituiva un vero e proprio problema, la Chiesa ha sempre ammesso che i corpi venissero cremati. Non ha mai affermato che tale pratica non fosse compatibile con l’immortalità delle anime.

In occidente però la sepoltura è sempre stata la modalità prediletta, fino al diciannovesimo secolo, quando fu regolamentata la cramazione, più che altro per condizioni igienico – sanitarie.
Inizalmente la chiesa si oppose, perchè l’introduzione di questa pratica alimentava le campagne anticristiane che deridevano l’usanza cattolica della sepoltura.

I non cristiani, infatti non credevano in una vita dopo la morte e tanto meno nella resurrezione. Gli stessi antichi romani, se si definivano pagani usavano incenerire i corpi e si prendevano gioco dei cristiani che invece credevano nell’immortalità dell’anima.

La cremazione come manifestazione dell’ateismo

Ai tempi dell’illuminismo, la cremazione era la voce dell’ateismo, il simbolo con cui si distinguevano i credenti dai non credenti, una sorta di protesta contro la chiesa e il pensiero religioso. Per la massoneria, ad esempio, la cremazione era una vera e propria bandiera, sventolata in faccia alla chiesa come disapprovazione. Per questo motivo la il Sant’Uffizio si vide costretto a condannare la cremazione, non per l’azione fisica compiuta di bruciare il corpo, ma per quello che rappresentava pe le persone.

Tutto questo durò fino al 1963, quando passata la voglia di protesta e beffeggiamento nei confronti della Santa Sede, fu riammessa la pratica della cremazione, a patto che non fosse utilizzata per manifestare odio contro la fede cattolica.

La Chiesa Cattolica, quindi reputa la cremazione una forma di sepoltura rispettosa quanto la sepoltura della salma, in quanto il fuoco non fa altro che il lavoro che spetterebbe alla natura nel corso degli anni, pero in molto meno tempo. Per quanto riguarda la resurrezione dei corpi invece, non c’è differenza tra polvere e cenere, si tratterà in ogni caso di un nuovo inizio.

La dispersione delle ceneri

Per quanto riguarda la dispersone delle ceneri, invece, è permessa dalle leggi civili, ma la Chiesa si raccomanda riguardo questa usanza. Sebbene risulti una cosa idealmente fascinosa disperdere le ceneri nel bosco o in riva al mare, si rischia di rincorrere delle nuove teorie religiose che credono a fuisioni cosmiche e altre teorie bizzare, che non hanno nulla a che vedere con il cristianesimo. Esistono, per questo motivo, le apposite urne cinerarie.

L’inumazione resta comunque lascelta di sepoltura che va per la maggiore, ha inoltre una ricca tradizione di simboli e credenze. Nella società in cui viviamo, che tende a esorcizzare la morte, i cimiteri ricordano il limite umano più grande in quanto esseri umani. Le tombe, che hanno lo scopo di conservare la salma, e i resti mortali, rappresentano uno strumento rafforzativo del nostro legame con i parenti i gli amici cari che non sono più vicini a noi nel senso fisico.

Altri Articoli

La cremazione: scopri in cosa consiste

scegliere la cremazione come rituale funerario

Come è ben noto, la cremazione è una pratica per cui si riduce il corpo del defunto in gas e frammenti ossei, attraverso la sua combustione per mezzo del fuoco. Successivamente, questi resti vengono polverizzati in quanto estremamente friabili, per cui è erroneo credere che quello che otteniamo dalla combustione sia direttamente cenere vera e propria.

Il decesso di un pensionato INPS: ecco cosa fare

procedura e documenti da presentare dopo il decesso di un pensionato inps

La morte di un proprio caro è sempre un evento molto doloroso da affrontare. La denuncia del decesso va consegnata presso l’ufficio di Stato Civile del Comune di appartenenza, deve essere presentata entro 24 ore dalla morte. Generalmente le agenzie di pompe funebri si occupano degli amdempimenti di tutte le pratiche burocratiche.

Cremazione in Italia: approfondimenti

Il primo processo di cremazione in Italia nasce nel 1876, anno in cui fu costruito il primo forno crematorio a Milano. Da lì lo spunto per Paolo Gorini, assistente alla prima cremazione, di creare un impianto di cremazione più semplice ed economico e che fu diffuso anche in Giappone e in Inghilterra.

Cimitero Cani: tutto quello che c'è da sapere

Gli animali hanno un ruolo sempre più importante nella vita di tutti noi, sono ottimi e fedeli amici e spesso fanno compagnia alle persone sole. Tutti i bambini sognano di poter ospitare un animale nella propria casa, magari un simpatico cagnolino da portare a passeggio nel parco e con il quale giocare.

Constatare il decesso: scoprite a chi spetta

La morte di un corpo ha inizio quando le funzioni cardiocircolatorie, respiratorie e nervose cessano la loro attività. Seconda la legge 578/93 del 29 dicembre 1993 è considerato privo di vita un corpo nel quale le funzioni dell’encefalo sono cessate.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group