Search HP

 

Il Codice di diritto Canonico recita all'articolo 1176 del Titolo III – Le esequie ecclesiastiche

  • Ai fedeli defunti si devono dare le esequie ecclesiastiche a norma del diritto.
  • Le esequie ecclesiastiche, con le quali la Chiesa impetra l'aiuto spirituale per i defunti e ne onora i corpi, e insieme arreca ai vivi il conforto della speranza, devono essere celebrate a norma delle leggi liturgiche.

La Chiesa raccomanda vivamente che si conservi la pia consuetudine di seppellire i corpi dei defunti; tuttavia non proibisce la cremazione, a meno che questa non sia stata scelta per ragioni contrarie alla dottrina cristiana.

Le opposizioni della Chiesa cattolica relative alla cremazione erano legate all'idea che questo processo fosse in contrasto con le idee di: immortalità dell'anima, sacralità del corpo e processo di resurrezione. Dopo un lungo percorso storico, dal 1963 la Chiesa Cattolica consente liberamente ai suoi fedeli di cremare il corpo del defunto, mentre la Chiesa Valdese e le altre Chiese cristiane evangeliche sono sempre state favorevoli al processo di cremazione.

Altre fonti che ribadiscono l'autorizzazione della cremazione da parte della Chiesa sono:

La Chiesa permette la cremazione, se tale scelta non mette in questione la fede nella risurrezione dei corpi” (Catechismo della Chiesa Cattolica - Paragrafo dedicato al rispetto dei morti nel Compendio).

 

“Così, mentre colui che in precedenza optava per la cremazione, era ritenuto sostanzialmente contrario alla Chiesa e la cremazione era appunto la massima espressione di tale contrarietà, attualmente, essendosi affievolito lo spirito settario e sopravvenendo ragioni di pubblica o privata utilità a favore dell’applicazione della cremazione - le disposizioni della Chiesa non si oppongono, qualora la persona abbia espresso l’intenzione di essere cremata” (Zbigniew Suchecki, La cremazione nel diritto canonico e civile, Ed. Vaticana, Città del Vaticano, 1995, dall’introduzione al volume).

Altri Articoli

Cremazione in Italia: approfondimenti

Il primo processo di cremazione in Italia nasce nel 1876, anno in cui fu costruito il primo forno crematorio a Milano. Da lì lo spunto per Paolo Gorini, assistente alla prima cremazione, di creare un impianto di cremazione più semplice ed economico e che fu diffuso anche in Giappone e in Inghilterra.

Musica per il funerale: consigli nella scelta

La musica durante il funerale ha lo scopo di accompagnare con il gusto dell'arte il difficile momento della dipartita. Le possibilità sono molte: dai classici cori religiosi a qualcosa di più moderno ma sempre adatto.

Arte funeraria: scopri cos'è

La morte di una persona cara resta sempre l'evento più triste per quelli, amici e parenti, che rimangono in vita. Per coloro che intendono organizzare un funerale particolare, artistico e personalizzato e ricordare così al meglio il defunto, è possibile affidarsi all'arte funeraria.

 

Urna cineraria: tutto sulle varie tipologie

Se le ultime volontà del defunto richiedevano come pratica funeraria quella della cremazione, una volta terminata tale pratica sarà necessario conservare le ceneri in un apposito contenitore, denominato appunto urna cineraria.

Dispersione ceneri in mare: è possibile?

La cremazione è quel processo che trasforma il corpo del defunto in frammenti ossei e cenere, che sono poi deposti all'interno di un'urna cineraria. L'urna cineraria può essere conservata all'interno di una abitazione, può essere tumulata oppure le ceneri possono essere disperse nei luoghi che prevede il Comune.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: info@cattolicasanlorenzo.it

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group