Search HP

La morte di un proprio caro è sempre un evento molto doloroso da affrontare. La denuncia del decesso va consegnata presso l’ufficio di Stato Civile del Comune di appartenenza, deve essere presentata entro 24 ore dalla morte. Generalmente le agenzie di pompe funebri si occupano degli amdempimenti di tutte le pratiche burocratiche.

Nel caso si tratti del decesso di un pensionato Inps (www.inps.it), è necessario seguire una serie di procedure che riguardano la documentazione da restituire allo stesso Istituto di Previdenza. Vediamo cosa fare nel dettaglio. Il coniuge, o un congiunto del defunto, può presentare alla sede Inps un’autocertificazione per la comunicazione di decesso e richiedere contestualmente tramite apposita domanda la reversibilità della pensione (se ne ha diritto e se la pensione stessa è reversibile). La richiesta avviene tramite la compilazione dl modulo SO1, firmato dal diretto interessato e con allegato il certificato dello stato di famiglia, contenente la data di morte del defunto. Ci sono dei casi specifici nei quali la domanda di reversibilità della pensione, può essere presentata dal coniuge divorziato o separato.

Nel caso  in cui la pensione del defunto fosse maturata ma non riscossa, il coniuge deve compilare solo il modello delle reversibilità e l’Inps provvederà alla liquidazione della somma.

procedura e documenti da presentare dopo il decesso di un pensionato inps

I documenti da presentare all'Istituto di Previdenza

E’ necessario allegare alla domanda alcuni documenti che riportiamo di seguito (per la richiesta online è possibile rivolgersi al Patronato più vicino)

  • Il certificato di pensione, che attesti la data dell’ultima rata percepita.
  • Il certificato di morte.
  • Il certificato dello stato di famiglia.
  • L’atto notorio che attesti le generalità degli eredi del pensionato Inps defunto.
  • La copia autenticata di un eventuale testamento.
  • Nel caso esistano diversi eredi maggiorenni, è necessario presentare una delega alla riscossione, che abbia la firma autenticata.

Chi ha diritto alla reversibilità della pensione e in quale misura?

La normativa vigente, indica chiaramente quali sono gli aventi diritto a percepire la pensione Inps del congiunto e sono:

- il marito o la moglie

- il coniuge anche se separato/divorziato. Nel primo caso, la persona deceduta deve risultare iscritta all’Inps in data antecedente alla separazione. Nel secondo caso se percepisce già un assegno di mantenimento, non si è risposato e l’iscrizione all’ente di previdenza è antecedente al divorzio.

- i figli legalmente riconosciuti:  minorenni, studenti non lavoratori che erano ancora a carico del defunto genitore, inabili. Di recente sono stati inclusi negli aventi diritto anche i nipoti, sempre se minorenni e a carico del defunto.

- nel caso non ci siano figli, coniugi e nipoti,  possono richiedere la reversibilità di un pensionato Inps anche i genitori (almeno sessantacinque anni di età, senza pensione e se erano a carico prima del decesso del pensionato Inps) e i fratelli se inabili e risultanti a carico per impossibilità di mantenersi economicamente.  

Per quanto concerne la ripartizione in percentuale della quota di reversibilità, ai coniugi spetta il 60% (che arriva all’ 80% in presenza di un figlio e al 100% se i figli sono più di uno). Ai soli figli (in assenza di coniuge superstite) spetta il 70% se figlio unico, l’80% se sono due (per i nipoti valgono le stesse percentuali). Nel caso di entrambi i genitori la quota riconosciuta è del 30% (15% se unico genitore superstite), per i fratelli il 15% ciascuno. 

Altri Articoli

Constatare il decesso: scoprite a chi spetta

La morte di un corpo ha inizio quando le funzioni cardiocircolatorie, respiratorie e nervose cessano la loro attività. Seconda la legge 578/93 del 29 dicembre 1993 è considerato privo di vita un corpo nel quale le funzioni dell’encefalo sono cessate.

Urna cineraria: tutto sulle varie tipologie

Urna cineraria decorata

Se le ultime volontà del defunto richiedevano come pratica funeraria quella della cremazione, una volta terminata tale pratica sarà necessario conservare le ceneri in un apposito contenitore, denominato appunto urna cineraria.

Cosa fare dopo il decesso: scoprite quali sono le pratiche burocratiche

Uno dei momenti più drammatici della vita è quello sicuramente di affrontare il decesso di una persona cara, ovvero di uno dei nostri parenti più prossimi all'interno della cerchia familiare.

Requiem: scoprite che cosa è

La perdita di una persona cara è sempre un momento molto doloroso e provoca tanto dispiacere tra coloro che rimangono in vita, e che si devono occupare del triste compito di organizzare il funerale. La maggior parte delle persone si rivolge a un’agenzia di pompe funebri che grazie alla collaborazione di personale discreto ed esperto, è in grado di assistere e aiutare i familiari nell’organizzazione del rito funebre.

La cremazione: scopri in cosa consiste

scegliere la cremazione come rituale funerario

Come è ben noto, la cremazione è una pratica per cui si riduce il corpo del defunto in gas e frammenti ossei, attraverso la sua combustione per mezzo del fuoco. Successivamente, questi resti vengono polverizzati in quanto estremamente friabili, per cui è erroneo credere che quello che otteniamo dalla combustione sia direttamente cenere vera e propria.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group