Search HP

La morte di un proprio caro è sempre un evento molto doloroso da affrontare. La denuncia del decesso va consegnata presso l’ufficio di Stato Civile del Comune di appartenenza, deve essere presentata entro 24 ore dalla morte. Generalmente le agenzie di pompe funebri si occupano degli amdempimenti di tutte le pratiche burocratiche.

Nel caso si tratti del decesso di un pensionato Inps (www.inps.it), è necessario seguire una serie di procedure che riguardano la documentazione da restituire allo stesso Istituto di Previdenza. Vediamo cosa fare nel dettaglio. Il coniuge, o un congiunto del defunto, può presentare alla sede Inps un’autocertificazione per la comunicazione di decesso e richiedere contestualmente tramite apposita domanda la reversibilità della pensione (se ne ha diritto e se la pensione stessa è reversibile). La richiesta avviene tramite la compilazione dl modulo SO1, firmato dal diretto interessato e con allegato il certificato dello stato di famiglia, contenente la data di morte del defunto. Ci sono dei casi specifici nei quali la domanda di reversibilità della pensione, può essere presentata dal coniuge divorziato o separato.

Nel caso  in cui la pensione del defunto fosse maturata ma non riscossa, il coniuge deve compilare solo il modello delle reversibilità e l’Inps provvederà alla liquidazione della somma.

procedura e documenti da presentare dopo il decesso di un pensionato inps

I documenti da presentare all'Istituto di Previdenza

E’ necessario allegare alla domanda alcuni documenti che riportiamo di seguito (per la richiesta online è possibile rivolgersi al Patronato più vicino)

  • Il certificato di pensione, che attesti la data dell’ultima rata percepita.
  • Il certificato di morte.
  • Il certificato dello stato di famiglia.
  • L’atto notorio che attesti le generalità degli eredi del pensionato Inps defunto.
  • La copia autenticata di un eventuale testamento.
  • Nel caso esistano diversi eredi maggiorenni, è necessario presentare una delega alla riscossione, che abbia la firma autenticata.

Chi ha diritto alla reversibilità della pensione e in quale misura?

La normativa vigente, indica chiaramente quali sono gli aventi diritto a percepire la pensione Inps del congiunto e sono:

- il marito o la moglie

- il coniuge anche se separato/divorziato. Nel primo caso, la persona deceduta deve risultare iscritta all’Inps in data antecedente alla separazione. Nel secondo caso se percepisce già un assegno di mantenimento, non si è risposato e l’iscrizione all’ente di previdenza è antecedente al divorzio.

- i figli legalmente riconosciuti:  minorenni, studenti non lavoratori che erano ancora a carico del defunto genitore, inabili. Di recente sono stati inclusi negli aventi diritto anche i nipoti, sempre se minorenni e a carico del defunto.

- nel caso non ci siano figli, coniugi e nipoti,  possono richiedere la reversibilità di un pensionato Inps anche i genitori (almeno sessantacinque anni di età, senza pensione e se erano a carico prima del decesso del pensionato Inps) e i fratelli se inabili e risultanti a carico per impossibilità di mantenersi economicamente.  

Per quanto concerne la ripartizione in percentuale della quota di reversibilità, ai coniugi spetta il 60% (che arriva all’ 80% in presenza di un figlio e al 100% se i figli sono più di uno). Ai soli figli (in assenza di coniuge superstite) spetta il 70% se figlio unico, l’80% se sono due (per i nipoti valgono le stesse percentuali). Nel caso di entrambi i genitori la quota riconosciuta è del 30% (15% se unico genitore superstite), per i fratelli il 15% ciascuno. 

Altri Articoli

Il decesso di un pensionato INPS: ecco cosa fare

procedura e documenti da presentare dopo il decesso di un pensionato inps

La morte di un proprio caro è sempre un evento molto doloroso da affrontare. La denuncia del decesso va consegnata presso l’ufficio di Stato Civile del Comune di appartenenza, deve essere presentata entro 24 ore dalla morte. Generalmente le agenzie di pompe funebri si occupano degli amdempimenti di tutte le pratiche burocratiche.

Cimiteri animali: dove seppellire i nostri amici a quattro zampe

Il triste evento legato alla morte di un caro può essere legato non solo alla perdita di esseri umani, ma anche degli animali. Per coloro hanno condiviso tanti momenti felici assieme al proprio animale, dandogli da mangiare, giocando assieme a lui e portandolo a passeggio nel parco o in giro per la città, il loro decesso può risultare difficile tanto quanto quello di una persona.

Donazione organi: scoprite come fare

immagine metaforica rappresentante la donazione di organiLa legge n°91 del 1 aprile 1999 e il decreto ministeriale dell’8 aprile 2000 regolano la dichiarazione della volontà di donare gli organi. Nel caso in cui una persona voglia esprimere la volontà di donare gli organi, deve rilasciare una dichiarazione scritta oppure può registrare la propria decisione presso la ASL di appartenenza o presso il proprio medico curante.

Tasse inumazione: scoprite come pagarle

Con il termine inumazione si identifica la destinazione della salma più comune in Italia. Con l'inumazione il defunto viene sepolto in una cassa funebre di legno, posta a circa 2 metri sotto terra. L'inumazione si effettua in aree predisposte (come i cimiteri) e non può essere, secondo la legge, effettuata in zone non consentite.

Vestizione salma

Vestizione, tanatoprassi e tanatoestetica per rendere presentabile la salma

Quando si verifica un evento triste come quello della morte di una persona cara, amici e parenti sentono la forte urgenza emotiva di poter guardare per l'ultima volta il defunto e salutarlo degnamente. Per renderne più gradevole l'immagine, la maggior parte delle agenzie funebri si occupa, per conto dei parenti, della sua vestizione della salma e delle pratiche di tanatoprassi e tanatoestetica.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group