Search HP

Alle lotte per la legalizzazione dell'eutanasia, recentemente si è affiancata la presenza del Testamento biologico.

Il testamento biologico (chiamato anche: dichiarazione anticipata di trattamento, testamento di vita, direttive anticipate, volontà previe di trattamento) è l'espressione della volontà preventiva di un soggetto, in condizioni di lucidità. Tale volontà è legata alle decisioni su eventuali trattamenti medici (somministrazione di farmaci, sostentamento vitale, rianimazione, etc.) qualora l'individuo dovesse trovarsi in situazioni di incapacità nel pronunciare le sue intenzioni in merito.

Il testamento biologico è un documento scritto, ma la legge ordinaria italiana non ha ancora sancito la sua reale validità. Ad ogni modo, il testamento biologico potrebbe aiutare a rispettare la volontà del paziente che non è in grado di comunicarla.

Il diritto di autoderminazione, incluso nel testamento biologico, è inoltre previsto dalla Costituzione Italiana. L'articolo 32 della Costituzione della Repubblica Italiana sancisce infatti che: “nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge”. L'Italia ha, inoltre, ratificato nel 2001 la Convenzione sui diritti umani e la biomedicina di Oviedo del 1997 che prevede che: “i desideri precedentemente espressi a proposito di un intervento medico da parte di un paziente che, al momento dell'intervento, non è in grado di esprimere la sua volontà saranno tenuti in considerazione.”

Il dibatto sul testamento biologico è ancora molto vasto e si sviluppa tra pensieri favorevoli e contrari. Esistono comunque diverse modalità di compilazioni del testamento biologico quali:

- Richiedere informazioni presso l'assessorato alla sanità del comune di residenza, che potrebbe aver stilato un registro dei testamenti biologici dei residenti.

- Compilare più copie di un testamento biologico, da consegnare a parenti, amici e testimoni e da inviare a un'associazione che si occupa della raccolta di tali documenti (Fondazione Veronesi, Libera Uscita, Exit Italia).

- Richiedere la designazione di un amministratore di sostegno, ricorrendo al giudice tutelare.

Altri Articoli

Spese Funerarie: tutti i costi per l'organizzazione

L'organizzazione di un funerale è un'operazione molto dura e dolorosa per chi ha da poco perso una persona cara. Spesso è opportuno affidarsi completamente nelle mani di un'agenzia funebre, che si occuperà dell'organizzazione del triste evento. Di seguito sono riportati i costi reali relativi alle spese funerarie da sostenere nell'organizzazione di un rito funebre, proposti da Cattolica San Lorenzo di Roma.

Urna cineraria in cimitero: quali modalità di collocazione?

Quando, dopo la morte del proprio caro, si opta per la cremazione, è necessario collocare le ceneri del defunto, all'interno di un'urna cineraria. Essa infatti ha proprio la funzione di conservare i resti della salma; viene inoltre sigillata e ad essa vengono anche riportarti i dati anagrafici del defunto stesso.

Funerale civile: come organizzarlo

Il momento della morte è sempre carico di forti emozioni e le esequie funebri mirano a confortare la famiglia dell'estinto. La religione ha sempre dimostrato una posizione dominante nella pratica; tuttavia, recentemente, il numero di persone che richiede un funerale civile è aumentato. Ecco come organizzarlo.

Il decesso di un pensionato INPS: ecco cosa fare

procedura e documenti da presentare dopo il decesso di un pensionato inps

La morte di un proprio caro è sempre un evento molto doloroso da affrontare. La denuncia del decesso va consegnata presso l’ufficio di Stato Civile del Comune di appartenenza, deve essere presentata entro 24 ore dalla morte. Generalmente le agenzie di pompe funebri si occupano degli amdempimenti di tutte le pratiche burocratiche.

Raccolta ceneri: costi e modalità del servizio

Con la raccolta ceneri si intende tutta la procedura burocratica per ridurre il corpo di una salma deceduta da tempo (raccolta da loculo, dopo i 30 anni, raccolta da sotto terra, dopo i 10 anni) da cassa a cassettina per ossario.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: info@cattolicasanlorenzo.it

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group