Search HP

Da sempre la bara in legno costituisce il vero e unico simbolo del funerale. Gli anni hanno visto un'evoluzione qualitativa del sarcofago notevole ed oggi le casse sono oggetti che dimostrano la maestria degli artigiani.

Com'è fatta

La bara in legno è costituita da alcune tavole inchiodate insieme a formare la tipica forma a parallelepipedo. Il coperchio costituisce sempre un pezzo a sé. Definire una forma canonica delle casse è possibile ma è giusto sottolineare come questa possa variare, e di molto.Quella canonica prevedere una misura di 1,70 metri in altezza e 60 cm nel punto di massima larghezza. Non si tratta infatti di un semplice rettangolo ma l'estremità – la testa e piedi – salutano un restringimento che tenta di seguire le normali forme del corpo.

I produttori di casse, infatti, seguono misure standard che, tuttavia, possono variare da impresa ad impresa. In tutte, però, il punto più largo corrisponde alle spalle, mentre ai piedi la larghezza è minore.

Lo zinco e le decorazioni

All'interno della bara in legno, si trova una struttura in zinco. Il materiale è adattissimo allo scopo: tramite del semplice calore è possibile fonderlo per chiudere ermeticamente il corpo del caro estinto all'interno. Questa procedura serve per inglobare tutti i gas che seguono il naturale processo della morte: il solo legno, poroso, non ne sarebbe in grado.

Infatti, quando è previsto il deposito oppure un viaggio, la legge stabilisce la necessità di installare una valvola a contatto con il coperchio di questo metallo che filtri e dreni eventuali gas che possano, prima del tempo, sprigionarsi.Sopra lo zinco, viene inserita l'imbottitura, ovvero uno strano di seta o altri materiali pregiati sui quali adagiare il defunto. L'imbottitura è spesso decorata con pizzi eleganti e può essere bianca, rosa o champagne – colori mai accesi. Oltre a questa, il legno viene accompagnato dal Cristo – in ottone – che viene inchiodato al coperchio e da una targhetta che recita il nome del defunto e la data di nascita e morte.

Qualche modello di bara in legno presenta delle decorazioni incise o sui fianchi. Spesso di tratta di immagini sacre – la Madonna, un Santo oppure l'Ultima Cena – realizzate a mano o con tecniche industriali ma sempre con molta cura.

Quanto costa una bara

Il costo di una cassa in legno varia moltissimo a seconda della lavorazione ma, soprattutto, del tipo di legno. Esistono qualità di basso costo (abete e pino) tramite le quali realizzare casse che possono valere anche solo 500€, mentre esistono qualità di prezzo più alto (mogano o ciliegio) che servono a creare capolavori che possono superare anche il migliaio di euro. Possiamo tuttavia affermare che il prezzo medio si aggira intorno ai 700 – 800€, escludendo l'imbottitura ma includendo lo zinco. Esistono, comunque, anche varianti di lusso che implicano decorazioni in oro o platino, legni molto rari e forme particolari che superano sicuramente i 3.000€.

Altri Articoli

Casse funebri: informazioni e caratteristiche

Le casse funebri, chiamate anche casse da morto o bare, sono i contenitori utilizzati per deporre la salma del defunto tumulato o inumato. Sono solitamente in legno, ma possono anche essere realizzate con materiali diversi.

Cimiteri animali: dove seppellire i nostri amici a quattro zampe

Il triste evento legato alla morte di un caro può essere legato non solo alla perdita di esseri umani, ma anche degli animali. Per coloro hanno condiviso tanti momenti felici assieme al proprio animale, dandogli da mangiare, giocando assieme a lui e portandolo a passeggio nel parco o in giro per la città, il loro decesso può risultare difficile tanto quanto quello di una persona.

La cremazione: scopri in cosa consiste

Come è ben noto, la cremazione è una pratica per cui si riduce il corpo del defunto in gas e frammenti ossei, attraverso la sua combustione per mezzo del fuoco. Successivamente, questi resti vengono polverizzati in quanto estremamente friabili, per cui è erroneo credere che quello che otteniamo dalla combustione sia direttamente cenere vera e propria.

Urna cineraria: tutto sulle varie tipologie

Se le ultime volontà del defunto richiedevano come pratica funeraria quella della cremazione, una volta terminata tale pratica sarà necessario conservare le ceneri in un apposito contenitore, denominato appunto urna cineraria.

Omelie per funerali: vediamo come ricordare il defunto

Tradizionalmente le omelie nei funerali costituiscono uno dei momenti più commoventi di tutta la cerimonia: tramite le parole del prete – oppure del fratello, della moglie o del genitore – vengono ricordate le qualità del defunto e si prega affinché la sua anima trovi, infine, le pace.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: info@cattolicasanlorenzo.it

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group