Search HP

Quando ci troviamo ad affrontare la scomparsa di un familiare è difficile mantenere la lucidità necessaria per assolvere ad una serie di incombenze che purtroppo devo essere necessariamente eseguite, come: l’organizzazione delle esequie, la scelta della bara e l’allestimento delle camere ardenti. Si vorrebbe restare soli col proprio dolore ed è per questo che si richiede l’intervento delle agenzie di onoranze funebri, al fine di delegare a loro tali pratiche.

Perché si chiama camera ardente

Successivamente alla scomparsa delle persone si procede immediatamente all’allestimento delle camere ardenti. Vengono così chiamate perché anticamente era usanza posizionare delle fiaccole che ardevano per tutto il tempo in cui la salma riposava in quel luogo.

Chi si occupa dell’allestimento delle camere ardenti

Il compito dell’allestimento delle camere ardenti è affidato all’impresa di onoranze funebri scelta dai familiari del defunto per occuparsi di tutte le procedure tecniche, pratiche e amministrative che devono essere adempiute per una corretta tumulazione. Se il decesso è avvenuto in casa, la camera ardente viene allestita in una stanza in grado di ospitare la salma per l’ultimo saluto di parenti e amici. Qualora non fosse possibile, l’allestimento delle camere ardenti avviene in un luogo appositamente messo a disposizione per tale scopo negli ospedali. In ogni caso, non vige una regola generale, di solito si adempie alle ultime volontà lasciate nel testamento o alle disposizioni dei familiari.

Come viene allestita una camera ardente

L’allestimento delle camere ardenti è un momento piuttosto delicato ed è molto importante che a svolgere tale compito siano dei professionisti in grado di curare ogni minimo dettaglio con discrezione e delicatezza e facendo in modo che l procedura non ricada sulla famiglia già provata dal dolore. La predisposizione vera e propria consiste nel:
- posizionare dei paraventi e dei teli per ricoprire le pareti della stanza e nascondere l’arredamento originario;
- sistemare i cavalletti per l’appoggio della bara;
- mettere a disposizione eventuali tappeti e tavolini per le firme;
- abbellire con addobbi floreali.

Altri Articoli

Trasporti funebri internazionali: scopri tutto su questo servizio

La perdita di un proprio caro è un evento molto difficile da superare e spesso ci si sente molto tristi e incapaci di reagire e attivarsi nell’organizzazione del rito funebre e di tutte le pratiche burocratiche.

Cimiteri capitolini: chi ha diritto alla sepoluta?

San Vittorino uno dei cimiteri capitolini

Gli 11 cimiteri capitolini presenti nel comune di Roma sono:

Estumulazione comune di Roma

Dopo un po' di tempo dalla morte di un caro, potrebbe verificarsi la necessità di estrarre il feretro del defunto dal loculo nel quale era stato precedentemente inserito. Tale procedimento si chiama estumulazione e rappresenta l'operazione inversa alla tumulazione. L'estumulazione si verifica infatti proprio dopo un precedente processo di tumulazione.

Esumazione: quali tipi esistono

L'esumazione avviene dopo il processo di inumazione, infatti è l'esatto contrario della stessa. Per legge, il periodo ordinario per procedere con l'esumazione è di dieci anni; questa pratica consiste nel rimuovere la salma dal luogo nella quale era stata precedentemente inumata.

Cremazione a Roma: quali sono i costi?

Servizio funebre della cremazione

Nei casi di morte di una persona cara, una pratica oggigiorno molto usata e alternativa ai metodi canonici di tumulazione e inumazione, è quella della cremazione. Questa pratica funebre prevede la riduzione del corpo del defunto in gas e frammenti ossei, mediante combustione; le ceneri poi andranno custodite all'interno di un'urna cineraria apposita e successivamente sepolte o sparse da qualche parte secondo le scelte pregresse del defunto stesso o dei familiari rimasti in vita.

Sede: via dei Sabelli 151, 00185 Roma

Telefono: 06 64501016

Cellulare: 338 63 200 91

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright 2010 - Powered by ElaMedia Group